Lunedì 20 Maggio 2024
L'assenza del documento finanziario impedisce di stanziare le somme necessarie


Sant'Alessio, Comune ancora senza il bilancio: i servizi scolastici partiranno in ritardo

di Andrea Rifatto | 03/10/2022 | ATTUALITÀ

815 Lettori unici

Il sindaco Domenico Aliberti

Partiranno in ritardo i servizi scolastici di competenza comunale nel plesso “Antonio Gussio” di Sant'Alessio Siculo, che ospita le sezioni di infanzia, primaria e secondaria di primo grado. A bloccare attività come la mensa o il trasporto scuolabus è l’assenza del bilancio di previsione 2022, che il Comune non ha ancora approvato nonostante sia quasi terminato l’anno e il termine ultimo fissato dalla Regione fosse il 31 agosto, tanto che nelle scorse settimane è stato nominato un commissario ad acta, il funzionario Giovanni Scaffidi, per sollecitare l’Amministrazione ad esitare il documento finanziario visto lo sforamento dei tempi. Nel frattempo il Comune è in gestione provvisoria ed opera in dodicesimi secondo il bilancio dell’anno precedente e non può dunque stanziare risorse sufficienti per coprire tutte le esigenze. Per la mensa scolastica l’intenzione è quella di affidare intanto un appalto fino a dicembre, ma bisognerà comunque attendere l’approvazione del Previsionale 2022: “Il bilancio di fatto è già stato chiuso dopo un iter travagliato - spiega il sindaco Domenico Aliberti - e nella prossima settimana dovrebbe essere approvato dalla giunta, per poi passare dopo i venti giorni di pubblicazione in Consiglio comunale, dove contiamo possa avere immediata esecutività”.

Dunque le risorse saranno a disposizione non prima di fine ottobre ed è ipotizzabile che la refezione possa partire a novembre, con un affidamento diretto (trattandosi di importo sottosoglia) ad una ditta privata, procedura che consente così di ridurre i tempi. “Alcuni operatori del settore sono già stati interpellati ed è emerso come il costo del singolo pasto abbia subito un aumento e dunque servano maggiori risorse rispetto al passato - aggiunge il sindaco - informerò la famiglie nel corso di un incontro a scuola, spiegando loro le procedure che vanno necessariamente seguite”. Più complicata la questione scuolabus, visto che il Comune non ha da tre anni un mezzo proprio e attende un contributo dalla Regione per acquistarlo: il servizio dovrebbe quindi essere affidato all’esterno e si valuterà quali siano le effettive esigenze, puntando a garantire il trasporto soprattutto per gli studenti che vivono più lontano, nelle frazioni, e se dovrà essere introdotta una compartecipazione economica da parte delle famiglie, come prevedono alcune pronunce della Corte dei conti.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.