Martedì 02 Marzo 2021
Ordinanza del sindaco: vietato il consumo umano per il superamento dei valori


Sant'Alessio, acqua dichiarata non potabile dopo le analisi dell’Asp

di Redazione | 07/12/2020 | ATTUALITÀ

912 Lettori unici | Commenti 1

Acqua non potabile a Sant’Alessio Siculo. Il sindaco Giovanni Foti ha firmato questa mattina un’ordinanza urgente che stabilisce in via cautelativa il divieto di utilizzo a scopo potabile dell’acqua proveniente dal civico acquedotto e destinata al consumo umano, per la preparazione di cibi e bevande o per altri usi domestici. Il provvedimento si è reso necessario in seguito alle analisi eseguite dal Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Messina-Area Dipartimentale di Taormina, sui campioni prelevati l’1 dicembre scorso da un rubinetto all’interno del municipio. I rapporti di prova e i risultati analitici trasmessi oggi al Comune di Sant’Alessio hanno evidenziato una situazione di contaminazione dovuta al superamento dei valori di parametro fissati dalla normativa relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano. In conseguenza di ciò, il primo cittadino si è visto costretto a vietarne l'utilizzo fino al ripristino delle condizioni di conformità al fine di tutelare la salute pubblica. L’Amministrazione comunale si è attivata per risolvere il problema ma in attesa dei prossimi campionamenti l’acqua della rete comunale non è idonea per l’uso potabile ma può essere utilizzata solo per fini igienici. L’ordinanza è stata trasmessa all’Ufficio tecnico comunale affinché intervenga in tempi celeri per individuare tempestivamente le cause della mancata potabilità per rimuoverle celermente, all’Asp e al dirigente dell’Istituto comprensivo di Santa Teresa, in modo tale che informi del divieto i responsabili del plesso scolastico alessese.


COMMENTI

giuseppe cacciola | il 11/12/2020 alle 22:57:42

Sono sorpreso, vorrei capire ove e' stato fatto il prelievo e con quali modalita', ed i valori rilevati. Certamente sarebbe stato piu' pertinente sapere se il Comune ,ai sensi della normativa vigente ,abbia un servizio di monitoraggio analitico delle acque, sia ai pozzi di prelievo che alle sorgive. La occasionale anomalia di superamento dei limiti ,solo su di un punto di prelievo non e' rappresentativa della qualita' delle acque destinate al consumo umano.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.