Sabato 24 Febbraio 2024
Parte la nuova gestione affidata al Camaro. Si valuta come ricavare nuovi locali


Santa Teresa, uno stadio da calcio per otto squadre: due spogliatoi non bastano più

di Andrea Rifatto | 09/10/2022 | ATTUALITÀ

920 Lettori unici

L'incontro tra gestore, società e amministratori

Parte ufficialmente la nuova gestione targata “Camaro 1969” allo stadio comunale di Santa Teresa di Riva. La società messinese, vincitrice della gara svoltasi il 15 settembre scorso, ha ottenuto l’aggiudicazione definitiva della concessione per tre anni e ha firmato con il Comune la convenzione e il verbale di consegna della struttura, entrando così pienamente in possesso dell’impianto di Bucalo, che comprende i campi da calcio e calcetto-tennis. Il “Camaro” verserà nella casse del Comune un canone annuo di gestione di 24mila 048 euro, ossia 2mila 004 euro al mese pari nel triennio a 72mila 144 euro oltre Iva, e dovrà garantire l’accesso agli impianti nel rispetto degli orari prestabiliti dall’Amministrazione, ossia dal lunedì al sabato dalle 14 alle 22 e la domenica e i festivi dalle 9 alle 20, applicando le tariffe approvate nei mesi scorsi, occupandosi delle attività di manutenzione ordinaria e del chiosco per la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande. Il nuovo concessionario deve consentire l’utilizzo della struttura anche a società o associazioni sportive che he fanno richiesta e sono stati già definiti gli accordi con diverse realtà cittadine e non solo, alcune delle quali hanno incontrato il presidente della società messinese, Antonio D’Arrigo, durante un vertice in municipio insieme al sindaco Danilo Lo Giudice e all’assessore allo Sport Ernesto Sigillo. 

A utilizzare lo stadio comunale da calcio di Santa Teresa di Riva, oltre al “Camaro 1969”, saranno le società Jonica Fc, Santa Teresa Calcio, Asd Casalvecchio Siculo, Akron Savoca, Sport Project Academy, Fair Play Messina e Aga Messina, che hanno stabilito con il concessionario giorni e orari e giorni per svolgere allenamenti e partite, così come il campo da tennis continuerà ad essere praticato dalle società cittadine Tennis Club Junior Santa Teresa e Jonica Tennis Team. “Abbiamo riscontrato la necessità di ampliare gli spogliatoi - spiega il presidente D’Arrigo - stiamo cercando una soluzione perchè con due soli locali è difficile gestire lo stadio e pensiamo alla possibilità di installare moduli prefabbricati. Nell’impianto di Santa Teresa proporremo anche eventi sportivi durante l’estate come tornei e grest giovanili - aggiunge - e stiamo ragionando su possibili soluzioni per ridurre i costi delle utenze: attualmente esiste un impianto solare termico per la produzione di acqua calda, mente non vi è un fotovoltaico per ricavare l’energia elettrica”. Una struttura, totalmente ristrutturata due anni fa, che sarà dunque quotidianamente punto di riferimento per gli sportivi del comprensorio jonico.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.