Martedì 23 Luglio 2024
Rinnovata la convenzione scaduta da due anni per la prevenzione del randagismo


Santa Teresa, nuovo accordo tra Comune e Lida Jonica per la cura degli animali

di Andrea Rifatto | 16/06/2024 | ATTUALITÀ

821 Lettori unici

Alcuni animali recuperati dall'associazione

Siglato un nuovo accordo tra il Comune di Santa Teresa di Riva e l’associazione Lida Jonica Onlus per la tutela degli animali d’affezione e la prevenzione del randagismo. L’ultima convenzione risaliva al 2021 ed è scaduta nel marzo 2022 e da allora non era stata rinnovata, anche se l’associazione ha continuato a garantire negli anni la presenza sul territorio per la tutela e la salvaguardia degli animali randagi, operando in collaborazione con la Polizia locale al recupero di cani e gatti randagi segnalati dai privati cittadini in condizioni di bisogno. Gli animali recuperati sono stati presi in carico dalla Lida Jonica che si è occupata di provvedere al loro sostentamento e a tutte le cure necessarie, facendosene carico fino all’adozione, e per questo motivo parallelamente alla stipula della nuova convenzione l’Amministrazione comunale ha accolto la richiesta di contributo straordinario e ha concesso 7mila euro a sostegno delle spese relative al ricovero e alle prestazioni veterinarie ed assistenziali, all'acquisto di alimenti, prodotti farmaceutici, prodotti parasanitari e attrezzi funzionali al trasporto ed alla cattura degli animali, sostenute in questi due anni per il trasporto ed il monitoraggio degli animali. 

La presidente del sodalizio con sede a Nizza di Sicilia, Simona Ruberto, ha dato la disponibilità al rinnovo della convenzione ed in deroga a quanto stabilito, in considerazione dell'aumento delle spese, ha chiesto l’aumento del contributo forfettario, pari a 5mila euro a titolo di rimborso spesa, per le attività effettuate e documentate dall’associazione. Il Comune ha accolto la proposta e ha approvato il nuovo accordo biennale, che prevede il rimborso alla Lida Jonica Onlus di 1.000 euro per l'attività di pronto intervento, e di un massimo di 9mila euro a copertura delle spese sostenute dall’associazione, somma che verrà liquidata previa attestazione dell'effettivo svolgimento delle previste attività corredata dalle note spese o fatture di acquisto e dei pagamenti.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.