Mercoledì 24 Luglio 2024
La denuncia del consigliere Santino Veri sul pessimo ripristino del marciapiede


Santa Teresa, lavori fatti male in via Sparagonà: "Dove sono cordoli e mattonelle?" - FOTO

di Andrea Rifatto | 07/03/2023 | ATTUALITÀ

1235 Lettori unici

Cemento al posto di cordoli e mattonelle cordoli

Tutti i lavori pubblici dovrebbero essere realizzati a regola d’arte, soddisfacendo determinati requisiti minimi soprattutto in termini di qualità, efficienza ed efficacia dell’utilizzo, sicurezza e affidabilità, oltre che essere eseguiti con diligenza. Ma non sempre ciò accade e ne sono esempio i lavori di realizzazione della rete di raccolta delle acque piovane in via Sparagonà, eseguiti dal Comune di Santa Teresa di Riva e conclusi da pochi giorni. Nella parte bassa della strada, infatti, l’intervento di ripristino del marciapiede dopo lo scavo per la posa della condotta è stato effettuato tutt’altro che a regola d’arte, ma in modo piuttosto impreciso e improvvisato. A segnalare il caso è il consigliere comunale di minoranza Santino Veri, che contesta l’esecuzione delle opere. Nel tratto di via Sparagonà tra la Statale 114 e il lungomare, come nella parte a monte, il marciapiede lato Catania è stato leggermente ampliato per collocare la tubazione ma in alcuni punti il cordolo in pietra lavica precedentemente esistente è stato sostituito da una gettata di cemento, con tanto di linea tracciata a fresco come a voler simulare l’esistenza del giunto tra due pezzi, mentre nella parte terminale della strada la striscia di pavimentazione in mattonelle rosse,  dopo la demolizione e ricostruzione della banchina, non è stata più posata ma sostituita da un getto continuo di cemento per riempire il vuoto tra il cordolo e il muro dell’abitazione privata, così come nel tratto più a monte l’ampliamento del marciapiede non è stato pavimentato con mattonelle ma con cemento.

Eppure il Comune ha approvato in corso d’opera una variante che ha fatto lievitare il costo dei lavori da 64mila 171 a 76mila 669 euro, proprio per la maggiore quantità di cordolo da rimuovere e ricollocare. “Ritengo inammissibile che si effettuino i lavori in questo modo - commenta Veri - il marciapiede era interamente delimitato dai cordoli in pietra lavica e invece adesso in alcuni punti sono spariti e sostituiti dal cemento. Il risultato è peggiore di quello di prima, visto che mancano i cordoli e la pavimentazione, e mi chiedo dove siano finiti quelli rimossi. In ogni caso quelli mancanti - aggiunge il consigliere - dovevano essere sostituiti senza effettuare un rappezzo del genere, anche perché siamo nel cuore pulsante del paese e questi lavori non andrebbero fatti neanche fuori dall’ultima delle frazioni”.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.