Venerdì 23 Febbraio 2024
Completato l'allaccio del gas per consentire alla ditta di preparare i pasti per la mensa


Santa Teresa, lavori a carico del Comune per il centro cottura: l'attivazione è più vicina

di Andrea Rifatto | 10/02/2024 | ATTUALITÀ

563 Lettori unici

Completato l'allaccio del gas metano

Era necessario l’intervento del Comune di Santa Teresa di Riva per consentire l’attivazione del centro di cottura nella scuola “Felice Muscolino”, da utilizzare per il servizio di mensa scolastica nei plessi cittadini. Per accendere i fornelli e rendere operativa la struttura bisognava infatti procedere all’adeguamento della rete di distribuzione interna del gas, così come richiesto in base alle proprie esigenze dalla ditta affidataria della refezione, la “Siristora Food & Global Service Srl”, che dunque non doveva farsi carico di quest’altra incombenza. Così il responsabile del Servizio Manutenzioni dell’Ufficio tecnico ha redatto un preventivo di spesa per l’importo di 6mila 320 oltre Iva e ha scelto sul Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione la ditta “Chillemi Paolo” di Santa Teresa di Riva, che ha formulato un’offerta di 5mila 814 euro al netto del ribasso offerto pari all’8%, per una spesa complessiva ammontante a 7mila 093 euro. 

La ditta ha proceduto ad effettuare interventi all’interno della cucina e a posizionare la tubazione per consentire il collegamento tra la condotta stradale e quella che serve il plesso “Felice Muscolino”, predisponendo i raccordi sui quali è stato montato il contatore del gas metano. Il 22 gennaio la “Siristora” ha comunicato all’Amministrazione comunale che una volta attivata la fornitura del gas potrà procedere all’attivazione del centro cottura in otto giorni lavorativi, considerato che arredi, attrezzature e stoviglie sono già al loro posto. Dunque è ipotizzabile che entro la conclusione di febbraio il centro cottura possa entrare in funzione, anche perchè bisogna rispettare il termine di tre mesi dalla firma del contratto, siglato il 22 novembre. Intanto le lamentele sulla qualità dei pasti serviti non si placano e molti studenti hanno ormai aderito all’autorefezione consumando a scuola il pranzo portato da casa. L’auspicio generale è che con la preparazione dei pasti a Santa Teresa di Riva e non più a 50 km di distanza si possano ottenere miglioramenti.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.