Lunedì 17 Giugno 2024
Dopo le verifiche il Comune affida due incarichi per ampliare il plesso e metterlo a norma


Santa Teresa, la scuola di Barracca va adeguata sismicamente: si lavora al nuovo progetto

di Andrea Rifatto | 11/06/2024 | ATTUALITÀ

444 Lettori unici

Il plesso che ospita Infanzia e Primaria

Ampliare l’edificio e adeguarlo sismicamente. Punta su due obiettivi l’Amministrazione comunale di Santa Teresa di Riva per la scuola “Lucia Amato” del quartiere Barracca, che ospita le sezioni dell’infanzia e della primaria. La richiesta di finanziamento presentata nel 2022 dal Comune, con un progetto di fattibilità tecnico-economica da 248mila 180 euro redatto dall’Ufficio tecnico per la costruzione di un nuovo corpo di fabbrica sul retro, non è stata ammessa a finanziamento dalla Regione ma la volontà di migliorare il plesso rimane una volontà del governo cittadino. Così dopo aver eseguito lo scorso anno le indagini geognostiche e le verifiche strutturali, grazie ad un contributo di 4mila 889 euro ottenuto dall’Assessorato regionale dell’Istruzione e della Formazione professionale e utilizzato per l’affidamento dell’incarico all’ingegnere Francesco Russo di Santa Teresa di Riva. Dall’indice di vulnerabilità sismica è emersa la necessità di procedere ad un intervento di adeguamento e lo stesso professionista è stato incaricato adesso per la redazione del progetto di ampliamento e di adeguamento sismico dell’edificio, per una spesa di 11mila 042 euro compresa Iva; il geologo Antonino Savoca di Furci Siculo si occuperà invece dello studio geologico a corredo della progettazione esecutiva per una spesa di 3mila 806 euro. 

L’Amministrazione ha previsto un ampliamento in aderenza alla struttura esistente, delle dimensioni di 6,70 x 18,80 metri, al cui interno realizzare degli spazi ad uso comune come una sala mensa da 54,60 metri quadrati e una biblioteca-laboratorio da 35,40 metri quadrati, oltre ad uno spazio di collegamento da 18 metri quadrati; inoltre sono state previste opere di modifica alla distribuzione interna della struttura esistente, per ottenere un collegamento confortevole e sicuro con i nuovi spazi e ricavare un deposito da 17,36 metri quadrati. La richiesta di finanziamento era stata presentata a valere su bando regionale che metteva a disposizione fondi europei Po Fesr 2014-2020 (Azione 10.7.1) per interventi di adattamento e di adeguamento degli spazi comuni, ma l’istanza si è piazzata al 98esimo posto con 40 punti ed è stata inserita nella graduatoria di quelle finanziabili, mentre i progetti finanziati sono stati i primi 85, ma potrebbe esserci uno scorrimento della graduatoria.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.