Venerdì 24 Maggio 2024
Presentate al sindaco dai cittadini di Sparagonà. Documento del gruppo di minoranza


Santa Teresa, 600 firme e una mozione per chiedere nuovi parcheggi e strada alternativa

di Andrea Rifatto | 24/03/2024 | ATTUALITÀ

1098 Lettori unici

Spazi insufficienti e veicoli ovunque

Rientrare a casa e non trovare parcheggio, vedendosi costretti a lasciare l’auto sui marciapiedi, in prossimità degli stop, sulle strisce pedonali, trovando poi la sanzione sul parabrezza per aver violato le regole. È una routine che sta divenendo ormai quotidiana per gli abitanti del quartiere Sparagonà di Santa Teresa di Riva, dove gli spazi per la sosta sono insufficienti e la vivibilità del rione continua a peggiorare. Da anni vengono annunciate soluzioni ma finora non è stata avviata alcuna iniziativa e adesso a far sentire la loro voce sono direttamente i cittadini. Adesso in municipio è stata presentata una petizione sottoscritta dai residenti nei quartieri Sparagonà, Bucalo, nelle borgate Giardino, Quartarello e San Gaetano e nella frazione Misserio, avviata su iniziativa di Cristina Pacher e Santino Veri (consiglieri di minoranza) e di Antonino Scarcella (ex vicecomandante della Polizia locale), che hanno depositato 581 firme indirizzate al sindaco Danilo Lo Giudice per chiedere all’Amministrazione comunale la realizzazione di idonei parcheggi a Sparagonà e la costruzione della bretella di collegamento parallela al torrente Savoca tra il lungomare e la strada provinciale per Misserio per deviare buona parte del traffico. “Una raccolta firme proposta e fortemente sostenuta dai cittadini che nasce dall’esasperazione che vivono quotidianamente - spiega Pacher - anche i mezzi di soccorso sono rimasti bloccati e la perdita pure di pochi minuti può essere fatale per chi è colto da malore e attende soccorso, situazione inaccettabile. Ciò accade perché via Sparagonà è molto transitata essendo l’unica via che unisce il centro abitato con San Gaetano, Quartarello, Giardino, Misserio-Fautarì - evidenzia - tutti devono passare da questa strada a doppio senso e ciò congestiona il transito”. 

La consigliera ricorda come nel 2020 i residenti abbiano chiesto di destinare a parcheggio, con lo strumento della democrazia partecipata, l’area comunale nei pressi di piazza Santa Lucia, dietro la scuola di Sparagonà, ma da allora sia stato affidato solo l’incarico di progettazione e a distanza di quattro anni circa i cittadini non hanno trovato riscontro alle loro richieste, e soprattutto alle loro esigenze; così come cinque anni fa l’Amministrazione comunale aveva individuato un terreno di 4.000 metri quadrati per destinarlo alla sosta, con parere positivo dell'Ufficio tecnico, e bisognava verificare solo il prezzo chiesto dalla proprietaria (20 euro al metro quadrato) ma comunque con la possibilità di pagare l’area in più esercizi finanziari. “La trattativa non andò a buon fine non per mancanza della proprietà ma di volontà politica - rileva oggi Cristina Pacher - la vivibilità di un paese passa soprattutto dal trovare una soluzione definitiva a questi problemi, evitando che le promesse elettorali si trasformino in promesse da marinaio. Ciò che lascia l'amaro in bocca è il fatto di sapere che gli automobilisti, in assenza di parcheggi, si vedono costretti a parcheggiare sui marciapiedi, impedendo di fatto ai pedoni, alle persone anziane, alle persone disabili, ai bambini di poterli utilizzare pienamente vedendosi costretti a scendere in strada, e quando, invece, li trovano liberi devono stare attenti  dal non inciampare e cadere rovinosamente a causa delle tantissime mattonelle divelte”.

Parallelamente alla petizione, i consiglieri Pacher e Veri, con il capogruppo Nino Bartolotta, hanno presentato una mozione al Consiglio comunale, ricordando che “il doppio senso di circolazione nella via Sparagonà comporta molti disagi per la nostra comunità a causa dei notevoli flussi di traffico che si registrano giornalmente e che sarebbe opportuno creare una strada alternativa in adiacenza del torrente Savoca, come più volte promesso ai cittadini del luogo”, per impegnare il sindaco e l'Amministrazione comunale ad avviare l’iter per realizzare tre parcheggi nel terreno adiacente piazza Santa Lucia, in via Sparagonà di fronte al civico 363 (con l’allargamento della strada provinciale) e in prossimità del vico III, oltre alla strada alternativa alla via Sparagonà. Il primo passo chiesto all’Amministrazione è la progettazione e l’inserimento degli interventi nel Programma triennale delle opere pubbliche. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.