Mercoledì 24 Febbraio 2021
Revocata l'ordinanza del 6 aprile. Disposta la clorazione del prezioso liquido


Sant'Alessio, torna potabile l'acqua della rete comunale

di Andrea Rifatto | 03/06/2017 | ATTUALITÀ

1544 Lettori unici

Torna potabile l’acqua erogata dal civico acquedotto di Sant’Alessio Siculo. Il sindaco Rosanna Fichera ha firmato un’ordinanza che revoca il provvedimento emanato il 6 aprile scorso con il quale veniva vietato l’utilizzo a scopo potabile del prezioso liquido, sia per il consumo umano che per la preparazione di cibi e bevande o per altri usi domestici. L’ordinanza si era resa necessaria in seguito alle analisi eseguite dall’Asp di Messina, Area Dipartimentale di Taormina, sui campioni prelevati il 30 marzo in due diversi punti del territorio comunale. I rapporti di prova e i risultati analitici trasmessi al Comune il giorno dopo avevano evidenziato una situazione di contaminazione dovuta al superamento dei valori di parametro fissati dalla normativa relativa alla qualità delle acque. Nei giorni scorsi sono invece giunti in municipio i risultati delle analisi fatte eseguire dal Comune da uno studio chimico privato di Messina, che ha effettuato i prelievi il 24 maggio: dagli esiti si evince che i valori riscontrati rispondono ai requisiti e alla qualità delle acque destinate al consumo umano, pertanto il sindaco Fichera ha ritenuto di non dover più mantenere l’ordinanza di non potabilità e consentire nuovamente ai cittadini di Sant’Alessio di utilizzare a scopo potabile l’acqua erogata dall’acquedotto comunale. A fini precauzionali è stata disposta la clorazione delle acque, che avverrà sotto le direttive dell’Ufficio Tecnico. Il provvedimento di revoca è stato inviato anche all’Azienda sanitaria provinciale di Messina-Dipartimento di Prevenzione di Taormina e all’Istituto comprensivo di S. Teresa, da cui dipendono le scuole alessesi.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.