Martedì 11 Maggio 2021
Incassati buona parte dei canoni di occupazione. La fiera rimarrà quindicinale


S. Teresa, torna il sereno tra ambulanti del mercato e Comune: quasi tutti sono in regola

di Andrea Rifatto | 28/02/2020 | ATTUALITÀ

960 Lettori unici

Il sindaco con gli operatori della Polizia municipale

Si va verso la completa regolarizzazione dei rapporti tra gli operatori del mercato quindicinale e il Comune di S. Teresa di Riva, al termine di un giro di vite iniziato subito dopo l’insediamento dell’Amministrazione nell’estate del 2017, portato avanti dal Corpo di Polizia municipale con il coordinamento dell’assessore al Commercio, Domenico Trimarchi. Nei giorni scorsi il Comune ha revocato cinque autorizzazioni per la mancata presentazione delle visure camerali e adesso si punta a chiudere la partita per ciò che concerne gli incassi. “Finalmente possiamo dire che il mercato e i suoi operatori sono perfettamente in regola con i pagamenti – evidenzia il sindaco Danilo Lo Giudice – grazie allo straordinario lavoro portato avanti nell’ultimo anno dall’ispettore capo Santino Scarcella e dall’assistente Giovanna Freni della Polizia municipale siamo riusciti ad azzerare tutte le pendenze degli anni pregressi. Per il 2020 abbiamo già incassato circa 25mila euro e contiamo il prossimo mercoledì di incassare il resto, così da avere tutto allineato e arrivare ai 32mila euro previsti”. La situazione è quindi tornata alla normalità dopo che per diversi anni si erano accumulati degli arretrati tanto da far arrivare la cifra a quasi 100.000 di canoni non versati nelle casse dell’Ente. “Un opera meritoria quella portata avanti, che ci ha consentito di avere una nuova collocazione del mercato, con operatori perfettamente in regola e con i pagamenti del canone in anticipo come previsto dal nostro regolamento – aggiunge il sindaco di Santa Teresa – abbiamo attuato una logica molto semplice, ovvero chi non è in regola con i pagamenti non può montare e devo dire che grazie alla collaborazione di tutti siamo riusciti a porre fine ad una situazione incresciosa che era andata avanti per molto tempo. Un plauso anche al nostro assessore Domenico Trimarchi che ha sempre seguito il tutto in prima persona”. Con la sospensione del mercato di Nizza di Sicilia in vigore da mercoledì con ordinanza sindacale per problemi di sicurezza sul lungomare, quello di S. Teresa diventerà adesso ancora più frequentato: alcuni ambulanti hanno quindi avanzato l’ipotesi di trasformarlo in settimanale per dare la possibilità agli utenti di poter fare acquisti ogni sette giorni e non rimanere senza fiera in entrambi i comuni. Ma su questa ipotesi sindaco Lo Giudice taglia corto: “Non credo sia facilmente percorribile per svariati motivi”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.