Lunedì 15 Aprile 2024
Molte reti di smaltimento restano intasate nonostante le segnalazioni al Comune


S. Teresa, tombini puliti solo in alcune strade: diversi quartieri abbandonati da anni

di Andrea Rifatto | 25/01/2021 | ATTUALITÀ

746 Lettori unici

Un tombino mai svuotato da anni

Già da circa un mese si sono conclusi a Santa Teresa di Riva i lavori di pulizia straordinaria dei pozzetti, delle caditoie stradali e delle griglie per la raccolta delle acque piovane presenti sul territorio comunale, con la contestuale osturazione delle condotte di convogliamento. Il Comune ha quindi proceduto a pagare la ditta esecutrice, la Intercontinentale Servizio Igiene Srl” di Messina, per una spesa complessiva di 19mila 707 euro come previsto a settembre, al momento dell’affidamento dell’appalto, dopo che il tecnico responsabile ha accertato la regolare esecuzione di quanto affidato. L’impresa è stata presente nella cittadina jonica per alcuni giorni e ha iniziato dalla via Coletta, zona notoriamente soggetta ad allagamenti, i lavori di pulizia di tombini e grate di raccolta, spesso ostruite da sabbia (come nel caso del lungomare dopo le mareggiate), rifiuti o detriti accumulatisi nel corso dei mesi o perfino degli anni, spostandosi poi principalmente sulle vie Regina Margherita e Francesco Crispi (la Statale 114) e sul lungomare Falcone e Borsellino, per rimuovere terra e detriti di varia natura che, in caso di forti precipitazioni, impedirebbero il normale deflusso delle acque meteoriche. Anche questa volta, però, sono state dimenticate molte vie secondarie, dove caditoie, pozzetti e reti di smaltimento sono totalmente otturate e da anni non viene effettuata nessuna manutenzione. Nonostante siano giunte segnalazioni in tal senso anche dai cittadini e dai componenti dei Comitati di quartiere, che hanno contezza di quelli che sono i problemi delle singole zone del paese, gli amministratori hanno però fatto orecchie da mercante e non sono stati organizzati ulteriori interventi di pulizia rispetto a quelli programmati, magare prevedendo un’integrazione alle somme quantomeno per le situazioni più urgenti. Esistono pozzetti e caditoie, infatti, che non vengono puliti da almeno dieci anni e i detriti hanno ormai raggiunto il livello della strada cementificandosi all’interno, tanto che per l’acqua è impossibile defluire all’interno. In conseguenza di ciò diverse strade si trasformano subito in torrenti ad ogni pioggia, senza contare i quartieri dove i chiusini sono sottodimensionati oppure ostruiti dall’asfalto, come lungo la via Sparagonà dove la parte bassa si allaga puntualmente perchè riceve tutte le acque provenienti da monte e non adeguatamente raccolte. Serve quindi un piano di manutenzione serio di tutte le reti di smaltimento delle acque piovane.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.