Martedì 27 Ottobre 2020
Dopo la diffida di due consiglieri, l'Ufficio tecnico risponde all'interrogazione


S. Teresa, terreni pubblici in mano ai privati: la Regione chiede chiarimenti al Comune

di Andrea Rifatto | 05/09/2020 | ATTUALITÀ

638 Lettori unici

I consiglieri Migliastro e Scarcella

Si accendono i riflettori della Regione sulla vicenda dei terreni comunali di Santa Teresa, destinati a verde pubblico, detenuti e gestiti in modo non sempre corretto dai privati all’interno delle cooperative Massarenti” e Glauco”. Dopo la diffida inviata dai consiglieri di minoranza Antonio Scarcella e Giuseppe Migliastro per la mancata risposta alla loro interrogazione del 27 luglio, inoltrata anche all’Assessorato Autonomie locali e Funzione pubblica, il funzionario direttivo del Servizio 3 Coordinamento attività di vigilanza e controllo degli Enti locali-Ufficio Ispettivo del Dipartimento regionale delle Autonomie locali, Vincenzo Raitano, ha inviato una nota alla segretaria comunale Rossana Giorgianni chiedendole, “nell’ambito dei compiti istituzionalmente attribuiti a questo servizio, ed al fine di procedere compiutamente all’istruttoria della pratica”, di “fornire un circostanziato rapporto sui fatti, unitamente ad ogni valido elemento, avendo cura di evadere la richiesta entro e non oltre 30 giorni. Trascorso infruttuosamente il termine o nel caso di parziali o insufficienti elementi di risposta - ha fatto presente il funzionario - l’Ufficio valuterà l’opportunità di attivare apposito intervento ispettivo”. La richiesta di chiarimenti della Regione arriva all’indomani della risposta all’interrogazione che l’Ufficio tecnico comunale ha prodotto per i consiglieri Scarcella e Migliastro, nella quale il dirigente Francesco Pagano ha annunciato che verranno fatti accertamenti sulla vicenda e che l’Ufficio “ha avuto notevoli difficoltà ad ottemperare alle istanze nei tempi previsti vista la carenza di personale all’Ufficio Urbanistica e avendo dovuto curare l’istruttoria e svolgere innumerevoli gare d’appalto per lavori pubblici”. Riscontro, giunto qualche giorno in ritardo rispetto alla scadenza del 30 giorni, che non ha pienamente soddisfatto i due consiglieri di opposizione: nell’interrogazione chiedevano anche di sapere lo stato attuale di questi terreni, se siano accessibili e se le opere previste dal programma costruttivo delle cooperative risultino realizzate prima della cessione dei terreni al Comune.

Più informazioni: terreni occupati s. teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.