Martedì 02 Marzo 2021
Cedimenti e lesioni alle strutture preoccupano i residenti della frazione


S. Teresa. Si aggrava il dissesto a Misserio, abitazioni a rischio sgombero

di Andrea Rifatto | 17/12/2016 | ATTUALITÀ

1887 Lettori unici

A rischio l’area all’ingresso del paese e la zona a monte

Continua ad aggravarsi lo stato di dissesto idrogeologico della frazione Misserio a S. Teresa di Riva, tanto che si paventa il rischio di dover sgomberare alcune abitazioni. Il maltempo del 25 novembre ha riacceso i riflettori su diverse zone dove da tempo si registrano cedimenti e crolli del terreno, soprattutto nell’area a monte sotto il cimitero, interessata da un vasto movimento franoso, e nelle aree a nord, dove si sono verificati scivolamenti improvvisi con il crollo di muri di contenimento e lesioni ad abitazioni. Criticità che si sono accentuate negli ultimi anni, dopo gli eventi meteorologici del 2009 e del 2015 e le forti piogge alluvionali di fine novembre, provocando altri movimenti verso valle interessando in particolare i quartieri Acqua Mantarro e Sturiale e anche la Sp 23 che collega a S. Teresa. Una situazione di serio pericolo per l’incolumità pubblica e per gli ingenti danni materiali che ne potrebbero derivare, senza contare che i residenti della frazione vivono con la preoccupazione di subire danni e rimanere isolati. L’Ufficio tecnico comunale ha effettuato un sopralluogo relazionando all’Amministrazione sullo stato dei luoghi e per dare una prima immediata risposta per la salvaguardia della pubblica incolumità il vicesindaco Danilo Lo Giudice ha firmato un’ordinanza che dà mandato all’Area Pianificazione e Gestione del Territorio e ai Vigili urbani di procedere alla individuazione delle aree ritenute più a rischio, dove intervenire con l’interdizione al transito pedonale e/o veicolare. I tecnici comunali dovranno inoltre segnalare eventuali condizioni di precarietà strutturali che possano indurre allo sgombero di abitazioni. Problematiche di cui Misserio soffre da molti anni e sulle quali non si è mai intervenuto seriamente: nel Patto per la Sicilia sono stati inseriti due progetti rispettivamente da 1 milione 646mila 487 euro per il consolidamento della frazione e da 868mila euro per la messa in sicurezza del quartiere Sturiale, ma non si hanno ancora tempi certi sull’arrivo dei fondi. Nel Piano triennale delle Opere pubbliche 2016/2018 sono invece presenti due interventi da 13 milioni 880mila euro (consolidamento della pendice sottostante il cimitero e sistemazione idraulica del torrente Savoca) e 1 milione 774mila euro (consolidamento della parte meridionale dell’abitato), entrambi con priorità 1.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.