Domenica 05 Febbraio 2023
Interventi per risolvere le situazioni più urgenti, in attesa del project financing


S. Teresa, pubblica illuminazione da anni senza gestore: affidato un altro appalto tampone

di Andrea Rifatto | 13/03/2020 | ATTUALITÀ

1062 Lettori unici | Commenti 1

Un palo spezzato dal maltempo sul lungomare

Sono ormai circa quattro anni che a S. Teresa di Riva non vi è un gestore degli impianti di pubblica illuminazione e si continua ad affidare interventi tampone di manutenzione straordinaria che però non sono sufficienti a garantire la piena efficienza. E i risultati sono sotto gli occhi di tutti, con diverse strade scarsamente illuminate per la mancata sostituzione delle lampade e la pulizia delle plafoniere (come ad esempio la via Manzoni), pali crollati per il maltempo o abbattuti in incidenti stradali e mai sostituiti (come accaduto sul lungomare all’angolo con via Dei Fabbri dopo un sinistro del 21 luglio 2018) e impianti poco curati e cittadini che inciampano a cadono, spesso con conseguenze fisiche, in vie e piazze poco illuminate. A distanza di oltre un anno e mezzo dall’ultimo appalto da 16mila euro, il Comune ha affidato un nuovo incarico per la manutenzione straordinaria dell’impianto di pubblica illuminazione: ad aggiudicarselo è stata la ditta Cannata Antonino Agatino di Savoca, che ha offerto un ribasso del 24% sull’importo a base di gara di 19mila 041, ottenendo l’affidamento per 14mila 860 euro oltre Iva e oneri per una spesa totale di 18mila 829 euro. Gli interventi sul territorio sono iniziati ieri con la sostituzione dei pali mancanti o danneggiati. L’Ufficio tecnico ha constatato come “a seguito di sopralluogo è emersa la necessità di provvedere ad eseguire interventi di manutenzione straordinaria sull’impianto della pubblica illuminazione, quali la sostituzione dei pali e degli apparecchi di illuminazione a Led, la cui mancata esecuzione può arrecare pregiudizio e potenziale pericolo per la pubblica incolumità dei cittadini e, quindi, possibili danni per l’Ente”. Alla gara con trattativa diretta erano state invitate sei ditte e quattro hanno presentato offerta. Da tempo i cittadini e i Comitati di quartiere segnalano la necessità di interventi in varie parti del paese ma l’Amministrazione ha deciso di non procedere con affidamenti consistenti in quanto punta ormai a riqualificare tutti gli impianti di illuminazione con il project financing da 1 milione 725mila 474 euro, proposto già nel 2016 dalla Energy Power Solution di Brescia che intende farsi carico dell’efficientamento dell’impianto, dell’adeguamento normativo e dell’ottimizzazione dei consumi. Lo scorso luglio la Giunta ha approvato il progetto di fattibilità tecnico-economica, che prevede una spesa 1 milione 234mila 570 euro per lavori a base d’appalto e 490mila 904 euro per somme a disposizione dell’Amministrazione, senza oneri a carico del Comune, ma i tempi non saranno brevi e si prosegue quindi con affidamenti tampone.


COMMENTI

andrea eltopo | il 13/03/2020 alle 09:38:38

speriamo che almeno questo "Tampone" sia positivo

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.