Lunedì 15 Aprile 2024
Padre De Gregorio della Sacra Famiglia nuovo Assistente ecclesiastico regionale


S. Teresa, prestigiosa nomina nella Fuci per don Alex: "Lavorerò con spirito di servizio"

di Andrea Rifatto | 26/04/2021 | ATTUALITÀ

1171 Lettori unici

Padre Alessandro è alla Sacra Famiglia dal 2019

“È sicuramente una soddisfazione e vivrò questa nuova esperienza con spirito di servizio, non sono legato agli incarichi ma è un bel riconoscimento dopo parecchi anni in questa realtà, che mi permetterà di conoscerla meglio e allargare gli orizzonti”. Padre Alessandro De Gregorio, parroco della Sacra Famiglia di Santa Teresa di Riva e amministratore parrocchiale nelle frazioni Misserio e Fautarì, a San Carlo (Casalvecchio) e Artale (Furci), è adesso il nuovo Assistente ecclesiastico regionale della Federazione Universitaria Cattolica Italiana. La nomina è arrivata nel corso della seduta straordinaria della Conferenza episcopale siciliana e subentra dopo tre anni a don Giuseppe D’Anna di Caltanissetta. La Fuci ha riconosciuto come il ministero di De Gregorio, 34 anni, sia caratterizzato dall’empatia nei confronti dei giovani e dal sapersi porre in ascolto del mondo giovanile in un contesto sempre mutevole e ha dunque premiato queste sue peculiarità affidandogli l’incarico, con la certezza che lo svolgerà al meglio. “Il mio percorso in Fuci inizia sei anni fa - ci racconta padre Alex - quando dopo anni di silenzio la Federazione è stata riattivata da un gruppo di giovani romani: sono stato chiamato dall’arcivescovo come Assistente ecclesiastico del gruppo ‘Giorgio La Pira’ di Messina, che in questi anni è cresciuto e ha visto passare circa 30 ragazzi, e a piccoli passi ho iniziato un percorso, ottenendo belle soddisfazioni a livello regionale. Adesso la scelta è ricaduta su di me, la Cei ha voluto che fossi io a ricoprire l’incarico regionale e dopo l’accettazione dell’arcivescovo è arrivata questa nomina e sicuramente mi ha fatto piacere che tutti gli assistenti provinciali abbiano voluto che fossi io il nuovo Assistente ecclesiastico regionale”. Don Alessandro, che è anche direttore dell’Ufficio diocesano di Pastorale universitaria, ha già fissato il primo obiettivo: “Voglio ricompattare tutti i gruppi provinciali e iniziare a visitarli - ci annuncia - prima ci incontravamo ogni due mesi e una volta l’anno al Congresso nazionale, la pandemia lo ha impedito tutto ma bisogna ripartire. In questi mesi non siamo comunque rimasti fermi e abbiamo svolto attività a Messina con alcune conferenze online sulla pandemia, in collaborazione con l’Università divenuta partner della Fuci”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.