Domenica 24 Gennaio 2021
La riposta alla richiesta inviata dall'Amministrazione. Protesta Lo Giudice


S. Teresa, Poste dice no alla riapertura di Barracca, il sindaco: "Interrogo all'Ars"

di Andrea Rifatto | 09/07/2020 | ATTUALITÀ

888 Lettori unici

L'Ufficio postale di Barracca

Dovranno patire ancora disagi gli utenti dell’Ufficio postale di Barracca a Santa Teresa. Poste Italiane, dopo averlo chiuso a metà marzo per l’emergenza Covid-19, non è infatti intenzionata a riaprirlo a breve e la conferma è arrivata con la risposta alla lettera di sollecito inviata il 16 giugno dal sindaco Danilo Lo Giudice, recapitata in municipio e firmata dal direttore della Filiale di Messina 1, Fabio Piazza. Riscontro che non ha soddisfatto per nulla l’Amministrazione comunale, intenzionata a tenere ancora alta l’attenzione sulla questione. “La chiusura dell’Ufficio postale di Barracca è stata disposta a causa dell’emergenza sanitaria, fermo restando che la rete degli stessi è stata parametrata in modo tale da consentire la regolare erogazione di tutti i servizi offerti alla clientela attraverso altri Uffici postali regolarmente aperti nel medesimo comune o nei comuni limitrofi - esordisce il dirigente dell’azienda - e la riduzione attuale dell’offerta si inserisce in un più ampio quadro di esigenze legate alla gestione del personale anche in conseguenza del particolare momento vissuto nei mesi scorsi”. Secondo Piazza, “per quanto riguarda il bacino servizio dall’Ufficio di Barracca, dal monitoraggio non sono emerse criticità - fa presente al sindaco - e preme sottolineare che la soluzione adottata non riveste carattere definitivo e che l’azienda, a seguito della sua richiesta, proseguirà con un costante monitoraggio al fine di valutare la data definitiva di riapertura”. Evidentemente sfugge che migliaia di utenti sono rimasti senza un riferimento, che tra l’altro si trova sulla principale via del paese. Nella missiva si ricorda anche come “Poste Italiane abbia messo a disposizione dei clienti numerosi strumenti alternativi quali i canali online, gli Atm Postamat e la carta Libretto utilizzatile presso gli Atm anche per il ritiro delle pensioni”. Ma per molti anziani si tratta di tecnologie spesso sconosciute e inaccessibili e il risultato è che le continuano a formarsi code all’Ufficio del Centro, dove gli accessi sono contingentati per via delle misure di distanziamento sociale. “Da uomo delle istituzioni apprezzo che Poste Italiane abbia risposto ma allo stesso tempo non posso condividerne i contenuti - ha fatto presente il sindaco di Santa Teresa - dopo oltre quattro mesi di chiusura mi sarei atteso una data di riapertura definitiva, stante anche che nel periodo estivo la nostra comunità raddoppia le presenze a causa di turisti e vacanzieri che scelgono la nostra comunità, per cui i disagi che già viviamo sono tendenti ad un normale e fisiologico aumento. Ma ciò che più mi preme evidenziare è il disagio che vivono i nostri anziani, costretti a doversi spostare a piedi spesso con temperature proibitive e con attese estenuanti. Ovviamente scriverò nuovamente, per far comprendere che ciò che viene fatto sulla carta basandosi su numeri spesso non corrisponde alla situazione reale. Questa situazione é insostenibile - ha concluso Danilo Lo Giudice - presenterò un’interrogazione parlamentare per affrontare il problema all’Assemblea regionale siciliana”.

Più informazioni: posta barracca chiusa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.