Mercoledì 07 Dicembre 2022
Rinnovata la convenzione per fornire supporto in materia di viabilità e sicurezza


S. Teresa, nuovo patto tra Comune e Associazione Carabinieri per vigilare sulla città

di Redazione | 02/03/2021 | ATTUALITÀ

716 Lettori unici

Rappresentanti dell'associazione e amministratori

Va avanti la collaborazione tra l’Amministrazione comunale di Santa Teresa di Riva e la locale sezione dell’Associazione nazionale Carabinieri, avviata ormai dal 2017. La Giunta guidata dal sindaco Danilo Lo Giudice ha infatti rinnovato su proposta del primo cittadino la convenzione per lo svolgimento delle attività di osservazione e assistenza sul territorio da parte dei soci, ex appartenenti all’Arma dei Carabinieri o civili, che collaborano con il Comune in diverse attività. In particolare viene garantito lo svolgimento del servizio di vigilanza davanti le scuole durante l’entrata e l’uscita degli studenti, e la sorveglianza durante le manifestazioni organizzate e/o sponsorizzate dal Comune o in occasione di fiere e mercati. La sinergia ha consentito finora di offrire un valido apporto collaborativo al Corpo di Polizia municipale, sia in materia di viabilità che di controllo della sicurezza, oltre ad aumentare lo spirito di cittadinanza attiva e rafforzare il senso civico della comunità. Il Comune ha concesso all’Associazione nazionale Carabinieri di Santa Teresa, presieduta dal vicebrigadiere Francesco Musicò, un contributo di 3.500 euro a titolo di rimborso spese e il servizio di vigilanza dovrà essere garantito per 700 ore di attività documentate. L’attività di vigilanza prevede anche uscite autonome sul territorio comunale per osservazione e segnalazione in generale di eventuali illeciti riscontrati. Intanto ieri l'Associazione ha donato al Comune, insieme ai Cavalieri di Malta di Palermo, una scorta di gel igienizzante e mascherine.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.