Venerdì 15 Gennaio 2021
Dopo le lamentele degli utenti il Comune ha chiesto alla ditta di cambiare metodo


S. Teresa, nuove regole per la differenziata: mastelli riconsegnati senza danni e intralci

di Andrea Rifatto | 07/10/2020 | ATTUALITÀ

1516 Lettori unici | Commenti 1

Mastelli verticali e orizzontali dopo lo svuotamento

A quattro anni dall’avvio della raccolta differenziata porta a porta, il Comune di Santa Teresa ha deciso di introdurre dei correttivi nell’espletamento del servizio, richiesti già da tempo dai cittadini. Sin dal 2016, infatti, si registrano disagi e inconvenienti relativamente alla riconsegna dei contenitori per il conferimento dei rifiuti delle utenze domestiche dopo il loro svuotamento, effettuato manualmente dall’operatore, che preleva il mastello esposto davanti le abitazioni per poi lasciarlo in posizione orizzontale sul marciapiede. Così è stato previsto nelle regole adottate dall'avvio del porta a porta, ma nel corso degli anni è emerso come il mastello lasciato a terra, spesso al centro della banchina, crei problemi al transito dei pedoni e soprattutto ai diversamente abili e a quanti hanno difficoltà nel muoversi, senza contare che diverse volte i contenitori hanno riportato danni (sparizione o rottura del coperchio e lesioni al bidone) dopo essere stati “lanciati” sul marciapiede, costringendo gli utenti a richiederne la sostituzione. L’assessore all’Ambiente, Gianmarco Lombardo, ha chiesto quindi alla ditta di cambiare metodo, anche per una questione di decoro urbano: “Il responsabile del servizio ha preso l’impegno di far lasciare i mastelli dritti in posizione verticale, dove possibile, dopo lo svuotamento - ha reso noto - in modo che non intralcino il passaggio pedonale nei limiti del possibile e dare seguito alle costruttive segnalazioni che ci arrivano. Può capitare che vento, pioggia o altre condizioni facciano cadere il mastello, ma la linea da seguire deve essere questa ed è tracciata - ha aggiunto Lombardo - farò alcuni passaggi in queste settimane e se l’operato non dovesse essere soddisfacente, convocheremo il titolare”. I primi risultati si sono già visti ma non ancora in tutte le zone del paese i contenitori vengono riconsegnati secondo il nuovo “ordine”.


COMMENTI

Giuseppe Migliastro | il 07/10/2020 alle 09:53:50

Io mi chiederei pure il comune da chi compra i mastelli che servono a sostituire quelli danneggiati!!! La risposta è semplicissima...

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.