Sabato 15 Maggio 2021
La Polizia municipale ha affidato un appalto triennale. Ecco come funzionerà


S. Teresa, la gestione delle multe passa ai privati: sistema online anche per gli utenti

di Andrea Rifatto | 12/01/2021 | ATTUALITÀ

2556 Lettori unici

Dopo la sanzione la palla passa alla ditta

Sarà una società privata ad occuparsi per i prossimi tre anni della gestione delle procedure relative alla stampa e alla postalizzazione delle violazioni al  Codice della Strada accertate dalla Polizia municipale di Santa Teresa di Riva. Il Comune ha infatti deciso di affidare all’esterno il servizio e ha bandito una gara d’appalto sul Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione, invitando a partecipare quattro operatori: “Maggioli Spa” di Santarcangelo di Romagna (Rimini), “Open Software” di Mirano (Venezia), “Sistemi informatici avanzati” di Carini (Palermo), “Saet Srl” di Santa Teresa di Riva e “Sapidata Spa” di Acquaviva (San Marino). A presentare offerta sono state le prime tre e la migliore è risultata quella della “Maggioli”, che ha proposto un ribasso pari a 37mila 392 euro oltre Iva, per un totale di 45mila 618 euro, sull’importo a base d’asta di 64mila 800 euro. Le proposte di “Open Software” e “Sistemi informatici avanzati” si sono invece fermate rispettivamente a 42mila 552 a 52mila 448 euro. L’affidamento è già iniziato l’1 gennaio di quest’anno e si protrarrà fino al 31 dicembre del 2023, dopo la firma dell’aggiudicazione definitiva siglata dal comandante Diego Mangiò, con responsabile del procedimento l’ispettore Domenico Centorrino. La società vincitrice ha offerto in dettaglio un prezzo di 1,87 euro oltre Iva (sulla base d’asta di 4,50 euro) per ciascun atto delle violazioni al Codice della Strada trattato, inviato per la notificazione, a mezzo del servizio nazionale di Poste Italiane, notificato e/o rinotificato e rendicontato, per un totale stimato di 3.200 verbali l’anno e per tre anni per un importo di 17mila 952 euro, mentre altri 19mila 440 euro verranno pagati dal Comune per il noleggio alla Polizia municipale di sei palmari completi di app integrata al software gestionale delle violazioni ed al software gestionale tariffa evasa, con stampante e possibilità d’installazione dell'app relativa al controllo sui parcometri, al costo di 90 euro, ribassato del 10% sulla base di partenza di 100 euro, sempre per 36 mesi: dunque ciascun palmare verrà a costare 3mila 240 euro nel triennio, 1.080 euro l’anno. Da ora in avanti dopo ogni multa elevata dalla Polizia municipale, la palla passerà alla “Maggioli” che procederà con l’acquisizione dei dati relativi alle violazioni, la stampa dei verbali personalizzati da notificare, l’invio per posta e tutto l’iter successivo compresa la predisposizione per la riscossione delle somme sul conto del Comune e la gestione della documentazione da archiviare. Inoltre dovrà essere attivata una pagina web (con procedura per il pagamento on-line delle sanzioni) sul sito ufficiale del Comune per dare la possibilità agli utenti di controllare la propria posizione e visualizzare il fotogramma relativo al proprio accertamento. La ditta dovrà poi garantire l’utilizzo dei software gestionali e la formazione, l'aggiornamento e l'assistenza (anche da remoto) del personale della Polizia Municipale sull’utilizzo dei programmi informatici.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.