Martedì 26 Maggio 2020
Piazzette trascurate, poca vegetazione: necessaria un'azione di abbellimento


S. Teresa, incuria e scarso decoro sul lungomare Bandiera Blu: serve una "cura" urgente

di Andrea Rifatto | 21/05/2020 | ATTUALITÀ

498 Lettori unici | Commenti 1

Una delle piazzette del lungomare

Se per il quarto anno consecutivo il lungomare e la spiaggia di Santa Teresa hanno ottenuto la Bandiera blu, c’è però ancora parecchio da lavorare per migliorare ulteriormente il decoro urbano e l’aspetto della litoranea, soprattutto per quanto riguarda il verde pubblico. Lo stesso iter per ottenere il riconoscimento prevede l’assegnazione di punti  per la salvaguardia delle aree sensibili e per la tutela del paesaggio, per le iniziative di riqualificazione architettonica e del decoro urbano nellambito del territorio comunale e per la sostenibilità ambientale, sia per la fascia costiera che per il centro urbano, promosse per una migliore vivibilità del territorio, sia per il periodo estivo che per lintero anno. L’aspetto del lungomare, però, da tempo lascia a desiderare e anche l’arredo urbano è parecchio carente. Il verde, ad esempio, va incrementato e migliorato a partire dalle piazzette che si affacciano sul mare, alcune con le aiuole spoglie e piene di sabbia riversata dalle mareggiate dei mesi scorsi, ridotte ormai punti di raccolta delle deiezioni canine. Sulla strada la vegetazione è totalmente assente perché le piante di Lagerstroemia indica (mirto crespo), piantumate nel 2016 al posto delle tamerici rimosse con una scelta rivelatasi scellerata, sono ormai appassite e solo pochi esemplari rifioriranno: l’Amministrazione comunale si è resa conto come ormai gli esemplari siano destinati a morire completamente e pare stia valutando di sostituirli con un’altra specie. Nel frattempo, però, nelle aiuole è stato gettato del concime non si sa a che scopo, visto che gli alberi di mirto crespo appassiti e in alcuni casi esiste solo il palo di sostegno in legno. Anche le aiuole lato monte del lungomare vanno abbellite con altre piante e fiori così da rendere il lungomare santateresino davvero accogliente e piacevole. Le piazzette lato mare necessitano inoltre di interventi di restyling a partire dalla sistemazione delle ringhiere, arrugginite in diverse zone tanto da risultare anche pericolose, la sostituzione dei pali della pubblica illuminazione in alcuni casi pericolanti (come nella zona di via Del Gambero), il miglioramento dei parapetti dove l’intonaco è spesso scrostato. Ciò che è sempre mancato è ad esempio un piano del verde urbano, strumento utile per la gestione del patrimonio paesaggistico locale che il Comune dovrebbe redigere anche per assicurare quella continuità percettiva dellidentità paesaggistica della cittadina jonica, evitando di lasciare al caso o ad interventi tampone una tantum la cura dell’ambiente. Serve dunque un’operazione di abbellimento complessivo del paese, che potrebbe passare anche dal coinvolgimento dei cittadini con iniziative come quella che prevede l’adozione di aiuole e spazi pubblici oppure la realizzazione di opere d’arte o murales per riqualificare angoli suggestivi ma lasciati spesso all’incuria, come gli affacci sul mare fresco di vessillo blu.


COMMENTI

Giuseppe Migliastro | il 21/05/2020 alle 16:29:14

Purtroppo devo contraddirti. Il piano per il verde pubblico c'è, anzi c'è sempre stato ed è quello di sperperare più soldi pubblici possibili!!! Spendere i soldi degli altri è la cosa che riesce meglio ad alcuni!!!

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.