Mercoledì 29 Maggio 2024
Le attività per adulti e bambini saranno garantite grazie ad un accordo con un privato


S. Teresa, i servizi Asp lasceranno l'ex pretura: il Comune trova locali a "costo zero"

di Andrea Rifatto | 09/04/2020 | ATTUALITÀ

1561 Lettori unici

I locali privati su via Francesco Crispi

Sarà un immobile privato ad ospitare dai prossimi mesi i servizi sanitari per adulti e minori garantiti dall’Asp nell’ex pretura di S. Teresa di Riva. L’edificio comunale, infatti, dovrà essere chiuso una volta che partiranno i lavori di manutenzione straordinaria per la realizzazione del polo socio-sanitario a servizio del comprensorio jonico, grazie ai fondi messi a disposizione da Governo e Comune. Nel frattempo, però, le attività svolte all’interno, come fisioterapia, riabilitazione, logopedia, neuropsicomotricità, non possono subire interruzioni ed è necessario quindi garantirne il mantenimento in via continuativa, in quanto la loro sospensione potrebbe provocare pregiudizio alla collettività, considerando soprattutto che la maggior parte degli utenti sono soggetti disabili. L’Amministrazione comunale ha così deciso di mettere a disposizione un immobile privato situato in via Francesco Crispi 440, a poca distanza dal centro del paese, dove verranno trasferiti arredi e attrezzature e si proseguirà con l’erogazione dei servizi. I locali, che si estendono al piano terra su una superficie di 175 metri quadrati, con ingresso dalla via Crispi e dal lungomare Giovanni Falcone, non necessitano di particolari lavori di adeguamento e dunque possono essere subito utilizzati.

Il Comune non pagherà alcun canone di affitto, in quanto ha raggiunto un accordo con la proprietà, la società Europa Srl di S. Teresa presieduta da Gaetano Moschella, che ha proposto di avere in cambio dall’Ente una servitù di passaggio pedonale permanente sul suolo pubblico per poter accedere ad un altro edificio di sua proprietà, situato su via Regina Margherita alle spalle del municipio, attraversando una piccola porzione di piazza Quinto Reggimento Aosta e del parcheggio del palazzo comunale (nella foto sopra). In cambio della concessione della servitù, dunque, il Comune, avrà in uso per tre anni l’immobile di via Crispi da destinare temporaneamente ai servizi dell’Asp senza il pagamento di alcun canone, in quanto la servitù di passaggio è stata parametrata al valore dell’uso dell’immobile per un importo fissato in 64mila euro. Le spese di rogito notarile, registrazione e trascrizione del contratto saranno sono a carico della Europa Srl. I lavori di realizzazione del polo socio-sanitario nell’ex pretura sono stati finanziati al Comune dal Governo con le risorse del Bando Periferie urbane: il finanziamento statale ammonta a un milione 242mila euro, mentre altri 487mila 890 euro sono garantiti dal Comune, che ha contratto un mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti. La gara d’appalto è in corso di svolgimento e i lavori, una volta affidati, dureranno poi circa nove mesi.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.