Mercoledì 22 Settembre 2021
Variante al progetto mentre erano già in corso i primi interventi di adeguamento


S. Teresa, emersi altri problemi al depuratore: affidati nuovi lavori di sistemazione

di Andrea Rifatto | 04/08/2020 | ATTUALITÀ

733 Lettori unici

Il depuratore fognario di contrada Catalmo

Come una vecchia macchina che può riservare sorprese durante il viaggio, il depuratore fognario di Santa Teresa necessità sempre di ulteriori interventi di manutenzione e riparazione. E così durante l’esecuzione dei lavori di adeguamento e rifunzionalizzazione per i quali lAmministrazione comunale ha stanziato nei mesi scorsi poco più di 200 mila euro, è emersa la necessità, a causa di circostanze impreviste, di apportare alcune modifiche non sostanziali al progetto con l’approvazione di una variante, che non muta i piani iniziali e non ne pregiudica le finalità di miglioramento dellopera e della sua funzionalità. Gli interventi sono iniziati a giugno dopo l’aggiudicazione alla ditta santateresina Mantarro Agatino, a cui era già affidata la gestione dellimpianto di contrada Catalmo, che ha offerto un ribasso del 24,99% sulla base di 137mila 058 euro, ottenendo laffidamento per un totale di 105mila 757 euro. Dopo alcune settimane, secondo quanto relazionato dall’Ufficio tecnico comunale, è venuto fuori come alcune parti dell’impianto non siano in condizioni ottimali ed è stato deciso di procedere con il rifacimento di intonaci ammalorati, murature, posa di nuove tubazioni, risanamento delle vasche dei fanghi, installazione di nuove parti elettriche e meccaniche e di una nuova soffiante con portata da 2200 mc/h. Soluzioni tecniche per la risoluzione delle problematiche emerse che hanno comportato la necessità di introdurre in corso dopera variazioni e addizioni al progetto, rimodulato per una spesa complessiva di 142mila 125 euro, di cui 115mila 795 per lavori e 26mila 329 di somme a disposizione, che non rende necessario reperire ulteriori risorse economiche vista la disponibilità dello stanziamento assegnato nei mesi scorsi. 

A fine 2019 l’Amministrazione si è attivata per adeguare alle normative vigenti il depuratore fognario dopo i sopralluoghi e le contestazioni di Arpa e Guardia di Finanza, che la scorsa estate hanno riscontrato diverse irregolarità, e ha approvato un progetto esecutivo da 202mila 533 euro per intervenire con l’ammodernamento e successivamente l’Ufficio tecnico ha affidato allo Studio Chimico Peloritano del dottor Giuseppe Di Bella di Messina l’incarico di redigere uno studio specialistico per l'adeguamento e la rifunzionalizzazione dell'impianto, utilizzato anche dal comune di Savoca, per procedere con un primo stralcio. L’impianto necessita di una importante revisione alla luce dell’attuale stato di manutenzione e dell’incremento della portata dei reflui dall’epoca della sua realizzazione, ossia gli Anni ’80, ad oggi, e soprattutto nei mesi estivi va sotto stress per l’aumento della popolazione, tanto che da alcune settimane si registrano cattivi odori nell’area circostante anche se in misura minore rispetto a quanto avveniva in passato, segno che il sistema sta funzionando in modo migliore. Nel bilancio di previsione 2020-2022 l’Amministrazione ha inoltre previsto inoltre un mutuo da 850mila euro per l’ulteriore adeguamento del depuratore fognario.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.