Martedì 06 Dicembre 2022
Completati i lavori di riqualificazione energetica con il rifacimento dei prospetti


S. Teresa, ecco il "nuovo" municipio: sul lungomare sarà acceso l'albero della vita - FOTO

di Andrea Rifatto | 29/11/2021 | ATTUALITÀ

1061 Lettori unici

La facciata principale color ambra

Svelato sabato pomeriggio il nuovo volto del municipio di Santa Teresa di Riva, interessato dall’agosto del 2020 da lavori di riqualificazione energetica. Con lo smontaggio dei ponteggi sono infatti tornate visibili le facciate principali del palazzo (costruito a fine Anni ’80 e mai interessato da interventi di manutenzione), avvolte da quindici mesi dalle impalcature, mentre i prospetti nord ed ovest erano già stati completati nei mesi scorsi. Un intervento finanziato dalla Regione con un contributo di 702mila 500 euro, che si è concretizzato in particolare con la ristrutturazione dei prospetti e la riqualificazione energetica dell’involucro, sia opaco che trasparente, tramite l’isolamento delle facciate con l’installazione di una parete ventilata color giallo ambra su piazza Quinto Reggimento Aosta e sul lungomare Borsellino e di un sistema a cappotto sugli altri due lati. Sul prospetto del lungomare sono state realizzate delle bucature raffiguranti quello che l’Amministrazione comunale ha definito l’albero della vita, quale simbolo di crescita e unione per tutta la comunità, dotato anche di un impianto di retroilluminazione a led per avere maggiore visibilità e risalto nelle ore notturne, che verrà accesso nei prossimi giorni. I lavori sono stati effettuati dall’impresa “Sae Srl” di Aci Sant’Antonio per una spesa di circa 440mila euro e hanno riguardato anche la sostituzione degli infissi in alluminio con serramenti in pvc a vetrocamera; l’installazione di collettori solari per l’acqua calda; un sistema a pompe di calore per la climatizzazione estiva e invernale; un nuovo impianto di illuminazione a Led e sistemi di controllo intelligenti per il controllo e la gestione degli impianti. La parete ventilata consente la diminuzione delle escursioni termiche e dei picchi di consumo e crea una camera d’aria tra struttura portante e rivestimento, al cui interno si generano moti convettivi che favoriscono la traspirabilità dell’edificio, permettendo di ridurre la dispersione del calore in inverno ed evitarne l’accumulo in estate. I 155 pannelli fotovoltaici presenti sui prospetti saranno posizionati sulla terrazza e nelle prossime settimane verranno completati altri lavori complementari. I lavori sono stati progettati e diretti dal team guidato dall’ingegnere Carmelita Bambara di Taormina e composto da Francesco Caminiti, Carmelo Francesco Oliva e Pasquale Ruggeri.



COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.