Martedì 20 Ottobre 2020
L'area è utilizzata per la raccolta differenziata ma lo spettacolo è pessimo ogni giorno


S. Teresa: degrado e rifiuti davanti la torre del Baglio, monumento simbolo del paese

di Andrea Rifatto | 23/08/2020 | ATTUALITÀ

1344 Lettori unici

Bidoni e rifiuti davanti la torre del Baglio

Uno dei beni storico-architettonici più noti del paese, importante testimonianza per l’intera comunità, circondato da degrado e rifiuti. È quanto accade a Santa Teresa con la torre del Baglio, situata in via Sparagonà a ridosso della linea ferroviaria. La struttura appartiene a privati, così come lo spazio antistante che viene utilizzato dai residenti del condominio limitrofo per depositare quotidianamente i contenitori per la raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti: il risultato, però, è che quasi sempre nell’area regna il disordine e l’incuria, per via dei bidoncini lasciati a terra dopo lo svuotamento ma soprattutto per sacchetti e scarti sparsi al suolo, a volte perfino rifiuti ingombranti. Quel punto è stato scelto per depositare i mastelli e consentirne lo svuotamento da parte degli operatori ecologici in quanto situato a ridosso della strada pubblica, ma chi transita sulla via Sparagonà, magari anche turisti e visitatori che vogliono ammirare la torre del Baglio indicata sulle brochure e sulle mappe del paese, si trova davanti un pessimo e sgradevole spettacolo. Si potrebbe quindi valutare di individuare un’altra zona, magari all’interno del cortile condominiale, dove lasciare i contenitori per la differenziata e far accedere il mezzo della raccolta (come avviene in altri complessi di Santa Teresa), evitando così di dai vita a situazioni di degrado davanti al bene storico. L’edificio, che è vincolato dalla Soprintendenza ai beni culturali e ambientali di Messina, non versa tra l’altro in condizioni strutturali ottimali e già da diversi anni sulla sommità del muro perimetrale, lato sud-ovest, si nota una evidente e pericolosa fessura che potrebbe portare al collasso. La torre del Baglio, lo ricordiamo, rappresenta il simbolo della conquistata autonomia amministrativa da Savoca (da qui partirono nel 1820 i marinoti, con a capo don Angelo Caminiti, alla volta del borgo collinare) ed è un dovere conservarla a futura memoria: in questi anni ci sono stati dei contatti tra il Comune e i privati per far acquisire il bene all’Ente pubblico ma questa soluzione finora non si è concretizzata e un intervento di messa in sicurezza è quanto mai necessario e urgente, così come il mantenimento del decoro nell’area antistante.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.