Venerdì 21 Settembre 2018
L’Amministrazione richiama i dipendenti. Un vacanziere sbotta all'Ufficio tecnico


S. Teresa, clima teso tra amministratori e impiegati. In municipio volano schiaffi

di Andrea Rifatto | 10/07/2018 | ATTUALITÀ

2532 Lettori unici

La riunione dei giorni scorsi con i sindacati

Sarà il caldo o i tanti carichi di lavoro ma al municipio di S. Teresa si registrano da tempo tensioni e scontri tra gli amministratori comunali e alcuni dipendenti, in particolare quelli dell’Ufficio tecnico. Scambi di battute al vetriolo, dialoghi dai toni accesi e risposte spesso oltre i limiti della buona educazione hanno portato gli amministratori a mettere un punto e a richiamare quei dipendenti il cui comportamento è stato giudicato oltre le righe. Sul fatto che all’interno del palazzo debba regnare la serenità, affinché gli indirizzi politici vengano tradotti in atti amministrativi e azioni concrete sul territorio non ci piove. Ma sono spesso le modalità con cui ciò avviene a far storcere il naso da ambo le parti. Fuor di dubbio che gli inquilini del palazzo debbano osservare quelle che sono le direttive di sindaco, assessori e consiglieri, ovviamente nei limiti di ciò che è consentito dalla legge e dai compiti assegnati. La parte politica, però, non tollera assolutamente che qualcuno dei funzionari si rifiuti di portare a termine un incarico o risponda in modo scocciato o peggio ancora con improperi. E così non sono mancate le discussioni per mettere i puntini sulle i ed evitare altri scontri. Sembra che un chiarimento risolutore ci sia stato. Si vedrà in futuro. Dall’altro lato, però, gli amministratori, devono tenere un atteggiamento consono al loro ruolo ed evitare sfuriate contro gli impiegati, soprattutto in strada o nei corridoi del municipio, davanti ai cittadini, come accaduto nei giorni scorsi con protagonista un assessore che in due diverse occasioni è “esploso” verso un funzionario dell’Ufficio tecnico. 

Della questione se n’è fatto cenno anche nel corso di una riunione con i sindacati per discutere di progressioni orizzontali e progetti obiettivo. “Come ho sempre detto, a me non interessa il come, io guardo il risultato finale, il raggiungimento dell’obiettivo, perché credo che la gente alla fine ‘ci paghi’ a noi e agli impiegati per dare risultati - ha evidenziato il sindaco Danilo Lo Giudice - e non concepisco e non capisco ‘alcuni’, a dire la verità ormai pochi, che ancora non hanno compreso la logica aziendale. Noi siamo la più grande impresa della città, diamo servizi a tutta la comunità e non solo e la nostra gente dobbiamo servirla al meglio. Ringrazio tutti quelli che invece quotidianamente sono al nostro fianco e rappresentano un’eccellenza, facendo della nostra S. Teresa un modello di governo da imitare”. Proprio in tema di “servire gli utenti” qualcosa è andato storto e nei giorni scorsi un vacanziere, evidentemente insoddisfatto della risposta ottenuta in merito alla segnalazione di una problematica, ha dato uno schiaffo a un funzionario dell’Ufficio tecnico durante un’accesa discussione. Un gesto ingiustificabile e da condannare.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.