Lunedì 15 Aprile 2024
Incidente del 2017 durante uno spettacolo. Chiesta una consulenza tecnica


S. Teresa, bambino cade al Palacultura e subisce danni irreversibili: citato il Comune

di Andrea Rifatto | 27/01/2021 | ATTUALITÀ

2230 Lettori unici

La sala del Palacultura nel 2017

Un incidente capitato quattro anni fa ad un bambino impegnato in attività organizzate dal Comune di Santa Teresa di Riva ha generato un contenzioso tra la famiglia e l’Amministrazione, al momento alle battute iniziali. L’Ente, infatti, si è dovuto costituire in giudizio davanti al Tribunale civile di Messina dopo che nei mesi scorsi è giunto in municipio un ricorso finalizzato ad ottenere una consulenza tecnica preventiva proposto dalla madre del giovane, che in qualità di esercente la responsabilità genitoriale sul minorenne punta a far verificare e accertare in giudizio i danni subiti dal figlio in occasione di uno spettacolo scolastico tenutosi nel pomeriggio del 17 febbraio 2017 all’interno del Palazzo della Cultura-Villa Crisafulli Ragno, organizzato dal Comune nell’ambito del progetto “Children” del Servizio civile nazionale. Il bambino, dell'età di 10 anni, era seduto e stava assistendo all’evento ma al momento di alzarsi è caduto a terra sbattendo violentemente il volto, sembrerebbe per via di una sedia difettosa, riportando danni irreversibili all'arcata dentaria a causa della rottura degli incisivi. La famiglia, assistita dall’avvocato Manuela Casablanca, ha quindi deciso di far accertare al Tribunale l'entità del danno citando il Comune, che a quanto pare non avrebbe avuto una polizza per responsabilità civile ma solo una polizza infortuni, e la scuola per l’omessa sorveglianza degli insegnanti sull’alunno in occasione della manifestazione. L’Ente ha nominato come proprio legale l’avvocato Fabio Famà di Messina, affidandogli l’incarico per una spesa di 1.500 euro, e le parti sono già comparse davanti al giudice, che ha deciso di nominare un consulente tecnico di ufficio, il dottor Antonio Messina, incaricato di tentare preliminarmente la conciliazione oppure, in caso di insuccesso per il mancato raggiungimento di un accordo, depositare una relazione scritta in cancelleria, trasmettendola poi alle parti affinché sia acquisita agli atti dell’eventuale successivo giudizio di merito che potrebbe scaturire. Il Tribunale, con il medesimo provvedimento, ha autorizzato il Comune di Santa Teresa e il genitore a nominare un proprio consulente tecnico di parte fino all’inizio delle operazioni, dando tempo fino al 31 gennaio per l'invio di osservazioni. L’Amministrazione ha quindi deciso di affidarsi ad un professionista allo scopo di controdedurre le valutazioni del consulente nominato dal Tribunale e depositare le osservazioni alla relazione tecnica e la Giunta comunale, presieduta nell’occasione del vicesindaco Ernesto Sigillo vista l'assenza del sindaco Danilo Lo Giudice, ha scelto il dottor Francesco Briguglio, medico dentista con studio a Messina, affidandogli l’incarico per l'importo di 1.500 euro. Se le parti riusciranno a raggiungere un’intesa la vicenda si chiuderà in tempi celeri, altrimenti sarà instaurata una causa civile che vedrà la famiglia schierarsi contro il Comune per ottenere il riconoscimento di quanto richiesto.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.