Mercoledì 24 Febbraio 2021
Firmato il decreto che stanzia 500mila euro: ecco cosa ospiterà l'edificio


S. Teresa, arriva il finanziamento per l'ex caserma GdF: sorgerà un centro per minori

di Andrea Rifatto | 15/05/2020 | ATTUALITÀ

948 Lettori unici

Gli edifici che ospitavano le Fiamme gialle

È stato firmato dopo un anno di attesa il decreto di finanziamento per realizzare un centro educativo e di aggregazione per minori nell’ex caserma della Guardia di Finanza di Santa Teresa di Riva. L’Assessorato regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro ha infatti siglato il provvedimento che assegna al Comune 500mila euro provenienti dai fondi europei Po-Fesr Sicilia 2014-2020, grazie alla richiesta di finanziamento presentata nel marzo 2018 dall’Amministrazione, ai quali si aggiungono 50mila di cofinanziamento con i fondi del bilancio comunale: somme che consentiranno di dare vita nell’edificio di via Vittorio Emanuele Orlando al centro Imparare per crescere”, che sarà gestito in forma associata dal Comune di Santa Teresa (capofila e coordinatore) insieme a quello di Sant’Alessio, in virtù di una convenzione quinquennale approvata un anno fa dai due Consigli comunali. Il decreto approva anche il disciplinare di finanziamento che regola i rapporti fra l’Amministrazione comunale di Santa Teresa e il Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali. Adesso l’Ente santateresino potrà procedere ad appaltare i lavori di manutenzione ed adeguamento igienico-sanitario dell’ex caserma “Maresciallo Vincenzo Crimaldi”, chiusa nel 2009 e acquistata dal Comune a fine 2015 dal Demanio, al prezzo di 407mila euro. Responsabile unico del procedimento è il geom. Antonello Cosentino dell’Ufficio tecnico.

Il progetto esecutivo redatto dall’ing. Antonino Moschella prevede una spesa di 430mila 433 euro per lavori e 119mila 566 euro di somme a disposizione per la ristrutturazione interna ed esterna dei tre corpi di fabbrica (saranno sostituiti gli infissi esterni con quelli a taglio termico con vetro camera, sarà realizzato un impianto fotovoltaico e saranno inseriti sistemi tendenti al risparmio idrico) e la massimizzazione degli spazi mediante la realizzazione di aree gioco, campo in erba sintetica e orto sociale per attività ricreative. Verranno ottimizzati gli spazi interni con la realizzazione di nuovi servizi igienici (compresi quelli per i portatori di handicap), una sala riunioni e conferenze, zona distribuzione catering e sala mensa e saranno adottati tutti gli accorgimenti per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Nel centro educativo e di aggregazione per minori “Imparare a crescere” verranno svolte attività di formazione, ludico-ricreative, di svago, studio e gioco, rivolte ad una popolazione di età compresa fra i 4 e i 18 anni: “L’obiettivo dell’Amministrazione è realizzare una struttura dove i minori possano trascorrere i loro pomeriggi svolgendo una moltitudine di attività - spiega il sindaco Danilo Lo Giudice - quali supporto scolastico, laboratorio teatrale, orticoltura, conoscenza degli antichi mestieri attraverso il confronto pratico con gli anziani, dando anche un supporto alle famiglie impegnate con il lavoro. Abbiamo sfruttato i fondi comunitari per creare una struttura d’eccellenza nel nostro territorio, che possa fornire servizi per l’infanzia e per i minori rappresentando di fatto un unicum in tal senso”. I lavori, una volta affidati, dureranno cinque mesi e si stima che entro un anno il centro “Imparare per crescere” sarà realtà. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.