Mercoledì 08 Luglio 2020
Sarà adeguata sismicamente: lavori per 16 mesi con trasferimento degli studenti


S. Teresa, appaltata la ristrutturazione della scuola "Muscolino": ecco come cambierà

di Andrea Rifatto | 25/06/2020 | ATTUALITÀ

606 Lettori unici

Il render di progetto del prospetto principale

Sono stati appaltati i lavori di ristrutturazione e adeguamento sismico della scuola “Felice Muscolino” di Santa Teresa. L’edificio, realizzato in muratura e completato nel 1950, ospita su tre piani l’Infanzia e la Primaria del Centro e verrà rimesso a nuovo a livello strutturale, visto che non è idoneo ai parametri di sicurezza, grazie ad un finanziamento da 2 milioni 900mila euro assegnato nel 2019 dalla Regione, a cui si aggiungono 50mila euro del Comune. L’importo dei lavori a base d’asta era di 2 milioni 120mila 842 euro, oltre oneri di sicurezza per 52mila 432 euro e 829mila 157 euro di somme a disposizione: ad aggiudicarsi le opere è stata la ditta “Impresalv Srl” di Favara (Ag), che ha offerto il ribasso del 18,059% per l’importo di 1 milione 737mila 839 euro. Si conclude così un iter lungo iniziato nel 2016, quando la precedente amministrazione, capeggiata dal sindaco Cateno De Luca, ha partecipato all'Avviso per l'aggiornamento del Piano Regionale edilizia scolastica presentando istanza di finanziamento con un progetto definitivo di valutazione del rischio sismico e adeguamento redatto nel 2010 dall’ing. Domenico Triolo di Santa Teresa e approvato nell’aprile 2012 dalla giunta guidata dal sindaco Alberto Morabito. L'elaborato era stato poi aggiornato nel 2016 dall’ing. Triolo e nel 2017 il Comune ha dato incarico all’ing. Tiziana Chiofalo di Furnari di redigere il progetto esecutivo, approvato un anno dopo dalla giunta del sindaco Danilo Lo Giudice. Un anno fa la Regione ha così concesso il finanziamento a valere sui fondi Po-Fesr Sicilia 2014-2020. Responsabile unico del procedimento è l'ing. Onofrio Crisafulli del'Ufficio tecnico comunale.

Il progetto prevede l’adeguamento sismico e la completa ristrutturazione dell’immobile sotto il profilo della fruibilità, della sicurezza e anche impiantistico: si procederà con il rinforzo dei muri portanti più sollecitati con una doppia incamiciatura in fibra di vetro, la chiusura di numerose finestre sui prospetti con l’inserimento di cerchiature metalliche, il rifacimento del tetto in legno, la ricucitura della lesione sulla facciata, il rifacimento delle facciate, la realizzazione di una nuova scala di emergenza in acciaio, la realizzazione di una pensilina di copertura sul percorso di ingresso a scuola, il rifacimento di parte dei servizi igienici, degli impianti elettrici, il rifacimento dei controsoffitti all’ultimo piano, altri lavori di sistemazione generale, compreso il cortile esterno e il campo di pallavovolo/basket.. L’intervento verrà eseguito in collaborazione con il Provveditorato per le Opere Pubbliche per la Sicilia, con il quale il Comune ha siglato una convenzione che ha previsto anche la nomina di due funzionari dell'Ufficio, l’ing. Domenico Triolo e il geom. Vincenzo Alì, nel ruolo di direttore lavori e direttore operativo. I lavori dureranno 16 mesi e secondo quanto previsto gran parte delle lavorazioni avverrà con la scuola aperta: il Comune si sta comunque attivando per prevedere il trasferimento degli studenti in altri plessi scolastici durante l’apertura del cantiere. Per Santa Teresa si tratta del finanziamento più importante in termini di importo ottenuto negli ultimi 15 anni, per la messa in sicurezza sismica di un edificio scolastico strategico per la comunità vista anche per la numerosa popolazione studentesca che lo frequenta.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.