Lunedì 21 Settembre 2020
La Città metropolitana riapprova l'elaborato da 5 milioni dopo la verifica finale


S. Teresa, anomalie nel progetto del nuovo Liceo scientifico ma i lavori possono partire

di Andrea Rifatto | 13/09/2020 | ATTUALITÀ

536 Lettori unici

Il progetto del nuovo Liceo scientifico

Si è reso necessario un altro passaggio burocratico per il via libera definitivo all’avvio dei lavori di costruzione del nuovo Liceo scientifico di Santa Teresa, finanziati con 6,3 milioni di euro dal Ministero dell’Istruzione alla Città metropolitana e appaltati a fine 2019 dopo quindici anni di attesa. Palazzo dei Leoni ha dovuto riapprovare in linea amministrativa il progetto esecutivo delle opere e il nuovo quadro economico, in quanto il Miur, in fase di inserimento dati sul portale ministeriale per la definizione della scheda finanziaria del progetto, ha richiesto ulteriori informazioni necessarie alla definizione della procedura ed è stato necessario rimodulare il quadro di spesa e anche il quadro post-gara. Una rimodulazione che non comporta comunque maggiore spesa rispetto alla somma finanziata e che consentirà adesso di aprire il cantiere. Il provvedimento firmato dal geom. Nuccio Miceli, responsabile del Servizio Edilizia metropolitana, su proposta del responsabile unico del procedimento, l’ing. Giacomo Russo, segue di pochi giorni la validazione e l’approvazione in linea tecnica resa possibile dalla verifica dell’elaborato esecutivo effettuata da un organismo certificato, la società “Dinamica Srl” di Messina, come chiesto nei mesi scorsi dal Gruppo task force Edilizia scolastica Regione Sicilia. L’ente terzo incaricato dalla Città metropolitana ha analizzato il progetto, redatto dall’ingegnere Domenico Calarco e dai geometri Giuseppe Palella, Fortunato Chiesini e Giovanni Martino della Città metropolitana, tramite il gruppo di lavoro formato dagli ingegneri Antonino Sutera, Salvatore Russo, Tindara Grasso, Fabio Vinci, dal geom. Antonino Chillè e dalla dott.ssa Rosaria Bongiorno, e al termine della verifica è stato espresso un giudizio complessivo “generalmente sufficiente subordinatamente alla revisione progettuale esplicativa degli elaborati interessati dalle prescrizioni formulate dagli Enti in sede di rilascio dei pareri di competenza, operando altresì tutti gli accorgimenti progettuali/esecutivi e tecnico-economici necessari per la risoluzione delle osservazioni formulate dal gruppo di lavoro”. L’ulteriore attività di revisione progettuale esplicativa resta comunque differita all’atto dell’avvio dei lavori ovvero in fase di esecuzione degli stessi, assicurando il rispetto delle condizioni tecnico-amministrative e contrattuali. “Dinamica Srl” ha riscontrato in particolare la non esaustività delle informazioni tecniche ed amministrative contenute nei singoli elaborati, la non esaustività delle modifiche apportate al progetto a seguito di un precedente esame, la non coerenza delle informazioni tra i diversi elaborati e la non rispondenza della soluzione progettuale alle normative di riferimento. La Città metropolitana, visto il giudizio generalmente sufficiente, ha quindi riapprovato specificando che gli elaborati “contestati” verranno perfezionati in fase di esecuzione dei lavori. L’appalto è stato aggiudicato all’impresa “Urania Costruzioni” di Messina per l’importo di 3 milioni 527mila 144 euro, oltre 1 milione 477mila 214 di somme a disposizione, per un totale di 5 milioni 004mila 358 euro e un’economia di spesa di 1 milione 236mila 748 euro: la Città metropolitana è già entrata in possesso dei terreni dove sorgerà il Liceo, tra le vie Fiorentino e Padre Giampietro nel quartiere Bucalo, e dunque si attende solo l’apertura del cantiere.

Più informazioni: nuovo liceo santa teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.