Domenica 05 Febbraio 2023
Provvedimento del sindaco dopo l'impegno volto ad eliminare i rifiuti non riciclabili


Roccalumera verso il Plastic free: dall'1 gennaio scatta l'ordinanza con i primi divieti

di Andrea Rifatto | 11/12/2021 | ATTUALITÀ

696 Lettori unici

Da luglio stop a vendita e utilizzo

L’impegno era stato assunto nei mesi scorsi, dopo la firma di un accordo con l’associazione e il riconoscimento di ente Plastic free, e adesso è stato mantenuto. Roccalumera punta ad essere un comune dove la plastica sia utilizzata al minimo fino a scomparire e l’Amministrazione ha avviato un percorso virtuoso che ieri ha avuto una tappa fondamentale: il sindaco Gaetano Argiroffi ha infatti firmato un’ordinanza per minimizzare l’uso della plastica e vietarne anche la vendita, con delle scadenze prestabilite, favorendo materiali biodegradabili e compostabili. Il provvedimento prevede che dall’1 gennaio gli esercenti delle attività commerciali, artigianali e di somministrazione di alimenti e bevande dovranno distribuire ai clienti solo sacchetti d’asporto monouso in materiale biodegradabile e compostabile, ma è consentito usare le eventuali scorte di magazzino di sacchetti in materiale “tradizionale” fino al 30 giugno. 

Dall’1 luglio sono vietati la vendita e l’utilizzo di sacchetti di colore nero ed è vietato ai titolari di ristoranti, attività ricettive, di generi alimentari e ogni altro esercizio abilitato alla commercializzazione di stoviglie per alimentari di utilizzare e distribuire materiale monouso in materiale non biodegradabile e non compostabile, quali posate, piatti, bicchieri, buste e/o sacchetti di plastica, coppe, ciotole, cannucce, mescolatori per bevande, aste per palloncini e bastoncini cotonali cotton fioc. Sempre dall’1 luglio, in occasione di feste pubbliche e sagre è vietato distribuire al pubblico materiale monouso non biodegradabile e non compostabile e tutti i residenti, turisti e visitatori dovranno usare esclusivamente materiale monouso biodegradabile. Per i trasgressori dell’ordinanza sono previste sanzioni da 25 a 500 euro e per gli esercenti che violeranno le regole per più di due volte nell’arco di sei mesi scatterà la sanzione amministrativa massima e anche la sospensione dell’attività commerciale per sette giorni. Una scelta in chiave ecologista, quella dell’Amministrazione, finalizzata sia a ridurre le quantità di rifiuti da smaltire ma anche a sensibilizzare la comunità di Roccalumera verso scelte e comportamenti consapevoli e virtuosi, in collaborazione con l’associazione Plastic Free rappresentata dal referente locale Letterio Mastroeni.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.