Lunedì 18 Gennaio 2021
Riaccertati tutti i residui. Il Comune è commissariato per i ritardi sul Rendiconto


Roccalumera, pronto il bilancio 2019: mancano 10 milioni di cui 5 di tasse non incassate

di Andrea Rifatto | 13/11/2020 | ATTUALITÀ

442 Lettori unici

Il bilancio deve essere approvato da Giunta e Consiglio

Passo in avanti dell’Amministrazione comunale di Roccalumera per giungere all’approvazione del bilancio consuntivo 2019, il cui termine è scaduto il 30 giugno scorso. La Giunta guidata dal sindaco Gaetano Argiroffi ha approvato la delibera di riaccertamento ordinario dei residui attivi e passivi, al termine della procedura avviata nelle scorse settimane per individuare i crediti di dubbia e difficile esazione, i crediti riconosciuti assolutamente inesigibili, i crediti riconosciuti insussistenti per estinzione o erroneo accertamento e i debiti insussistenti o prescritti. Il Servizio Finanziario ha chiesto alle Aree comunali di inoltrare le informazioni necessarie per riaccertare attivi e passivi ed è stato così possibile avere un quadro completo in modo da poter adesso procedere all’approvazione del Rendiconto in Giunta per poi passare la palla al Consiglio comunale. Dal riaccertamento emerge come il Comune di Roccalumera abbia in bilancio 9 milioni 791mila 773 euro di crediti non ancora incassati negli ultimi dieci anni, in quanto dei 19 milioni 552mila 592 previsti ne sono stati versati 9 milioni 760mila 819: buona parte di queste somme, pari a 5 milioni 520mila 658 euro, riguardano mancate entrate da imposte e tasse nel periodo dal 2008 al 2019, visto che dei 7 milioni 873mila 792 euro previsti ne sono stati riscossi 2 milioni 343mila 133. Si conferma, quindi, la difficoltà a far pagare le tasse ai contribuenti, problema che si trascina da anni. Le altre mancate entrate riguardano trasferimenti da amministrazioni pubbliche e da Unione Europea (461mila 718 euro), vendita di beni e servizi e proventi derivanti dalla gestione dei beni (entrate extratributarie per 1 milione 497mila 902), controllo e repressione di irregolarità e illeciti (302mila 918), contributi agli investimenti (1 milione 345mila 480), anticipazioni da tesoreria (3 milioni 950mila 129). Dal Rendiconto 2019 sono stati eliminati residui attivi per 245mila 020 euro. I passivi (debiti, mutui e prestiti) da mantenere ammontano invece a 6 milioni 515mila 777 euro, mentre 13mila 219 euro son stati eliminati. Tutti gli atti di riaccertamento ordinario hanno incassato il parere favorevole del revisore dei conti, Salvatore Gangi. Adesso l’Amministrazione dovrà fare in fretta ad approvare il Rendiconto dello scorso anno perchè il Comune, già da due mesi, è stato commissariato dalla Regione con la nomina del funzionario Francesco Riela, visto il mancato rispetto del termine per approvare il Consuntivo.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.