Domenica 25 Febbraio 2024
La minoranza segnala l'assenza di segnaletica e disagi a causa della metanizzazione


Roccalumera. “Lungomare pericoloso e caos viabilità: l’Amministrazione intervenga”

26/05/2016 | ATTUALITÀ

2401 Lettori unici

Il lungomare di Roccalumera

Segnaletica stradale carente, lungomare poco sicuro e viabilità caotica a causa dei lavori di metanizzazione. Sono gli ultimi appunti mossi all’Amministrazione comunale di Roccalumera da parte del gruppo consiliare di minoranza. “Da più parti riceviamo lamentele che riguardano la segnaletica stradale orizzontale e verticale, carente in tutto il paese frazioni comprese – esordiscono Rita Corrini, Giuseppe Melita, Maria Grazia Saccà, Antonella Totaro e Ada Maccarrone –. A destare maggiore preoccupazione è in particolare la quasi totale assenza di segnaletica stradale orizzontale in alcune zone del lungomare dove sono pressoché inesistenti le strisce pedonali, la linea di mezzeria e gli stop agli incroci: una vera e propria giungla non regolamentata che crea un potenziale pericolo alla circolazione. Basta fare una ricognizione, soprattutto nella zona sud del lungomarw per verificare in maniera inconfutabile quanto rappresentato. Perché non si effettua periodicamente la necessaria manutenzione integrando per tempo la segnaletica orizzontale usurata? – si chiedono i consiglieri del gruppo ‘Per Roccalumera’ –: perché non si utilizzano i dipendenti comunali e/o il personale a supporto periodicamente assunto, garantendo un intervento immediato all’occorrenza e consentendo, nel contempo, un risparmio per le casse comunali? Perché si interviene solo in prossimità della stagione estiva e non quando è necessario per la tutela della pubblica e privata incolumità? La sicurezza dei cittadini non ha prezzo e deve essere opportunamente attenzionata dall’autorità preposta, che è il sindaco”.

Il gruppo di minoranza prosegue poi evidenziando come i lavori di metanizzazione in corso sulla Via Umberto I, in alcune vie secondarie e sulla strada provinciale per le frazioni stiano causando disagi alla cittadinanza. “Sulla via Umberto I i lavori di metanizzazione hanno suscitato parecchie rimostranze dei commercianti che lamentano un danno economico rilevante per le loro attività – sottolineano Corrini, Melita, Saccà, Totaro e Maccarrone – ma le loro richieste per accelerare i lavori non sono andate a buon fine: sarebbe stato, invece, doveroso da parte dell’Amministrazione, in questo momento di crisi, attenzionare la situazione e adoperarsi affinché i lavori fossero eseguiti più celermente possibile, per  arrecare meno disagi a tutte le attività operanti sulla Statale. Sarebbe stato quantomeno opportuno – aggiungono – prestare maggiore attenzione non solo alla segnaletica stradale di deviazione dei lavori sul lungomare ma anche alla segnaletica che indica come raggiungere le attività ricadenti nelle zone interdette al traffico veicolare”. Nel caso della Provinciale che conduce alle frazioni a monte di Roccalumera il gruppo di opposizione rileva come non vi sia la giusta segnalazione semaforica, mentre in generale in tutti i cantieri non vi è nemmeno un segnale luminoso in corrispondenza delle aree di cantiere o se è presente è palesemente carente e le transenne non sono opportunamente ancorate al suolo tanto che basta poco per farle cadere a terra costituendo,  piuttosto che una segnalazione e/o una delimitazione, un potenziale pericolo per la circolazione. “Ci vuole così tanto per mettere dei lumicini di sera per illuminare l’area di cantiere o dei pesi sulle transenne per evitare che si ribaltino? No, basta solo un po’ più di attenzione e cura – concludono i membri di ‘Per Roccalumera’ –: è auspicabile che il sindaco illustri le motivazioni per cui non si è provveduto per tempo ad attenzionare tale problematica ma che, soprattutto, ponga tempestivamente rimedio a tali ritardi che potrebbero mettere a repentaglio la sicurezza dei propri concittadini”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.