Martedì 18 Giugno 2024
Completati i lavori di restauro che hanno interessato prospetto principale e campanile


Roccalumera, la chiesa Madonna del Carmelo torna dopo decenni al suo antico splendore

di Andrea Rifatto | 03/03/2022 | ATTUALITÀ

923 Lettori unici

La facciata ha recuperato il colore originario

È tornato al suo antico splendore il prospetto principale della chiesa Madonna del Carmelo di Roccalumera, da molti anni in stato di degrado. Si sono infatti conclusi i lavori di recupero e manutenzione delledificio di culto, realizzato nel 1938 nel quartiere Botteghelle, alle spalle dellantica chiesetta oggi non più esistente, che erano stati avviati nell’ottobre 2020. Un intervento che ha consentito di mettere in sicurezza la facciata e il campanile (sia allinterno che allesterno), con la rimozione del degrado strutturale, il rifacimento degli intonaci e il ripristino di materiali e colori originari, sostituiti nel corso dei decenni da strati di pittura non idonei. A finanziare i lavori il contributo 8x1000 della Chiesa cattolica, che ha consentito alla Parrocchia retta da don Gaetano Murolo di poter disporre di 115mila 406 euro per rendere cantierabile un primo progetto, redatto dallingegnere Carmelo Marisca e dallarchitetto Sergio DArrigo, professionisti incaricati dal parroco di occuparsi dellintervento di messa in sicurezza, anche nella qualità di direttori dei lavori. Ad eseguire le opere, che hanno ottenuto il nulla osta sia dalla Soprintendenza per i beni culturali e ambientali di Messina che dallUfficio Diocesano Edilizia di culto, diretto dallarchitetto don Giovanni Scimone, è stata limpresa Rica Costruzioni Srl” di Pagliara, che con lo smontaggio delle ultime impalcature ha svelato adesso la facciata principale della chiesa patronale, sulla quale è state ripristinata anche la dedica alla Vergine del Carmelo, situata sul portone principale. Ledificio di culto necessita anche di altri interventi, come la sistemazione del tetto, che però non è stato possibile realizzare con le somme a disposizione: parroco e progettisti si sono comunque già attivati per redigere la progettazione e individuare nuove fonti di finanziamento per poter completare il recupero dellintera struttura, frequentata da numerosi fedeli di Roccalumera. Rimangono così solo un lontano ricordo i continui distacchi di intonaci e crolli di cornicioni dal prospetto, tanto che una parte del sagrato era stata interdetta per salvaguardare lincolumità pubblica dopo lintervento dei Vigili del Fuoco, che avevano rimosso le parti più pericolanti.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.