Venerdì 24 Maggio 2024
Finanziato dalla Regione il progetto presentato dal Comune per consolidare l'area


Roccafiorita, arriva il finanziamento per dire addio all'incubo dissesto della zona bassa

di Andrea Rifatto | 21/04/2022 | ATTUALITÀ

971 Lettori unici

La via Croce è soggetta da anni a cedimenti

Erano almeno sette anni che il Comune di Roccafiorita attendeva queste risorse, dopo aver avviato l’iter nel 2015 per far inserire l’opera nel Patto per il Sud. Adesso è arrivato il decreto di finanziamento. La Struttura commissariale della Regione per il contrasto al dissesto idrogeologico ha infatti assegnato al piccolo borgo montano un contributo da 1 milione 500mila euro per il consolidamento di contrada Valanghe-Paolazzo, a salvaguardia del centro abitato e della Strada provinciale 12 nella parte bassa del paese. Una zona soggetta da tempo a cedimenti del terreno che devono assolutamente essere bloccati per evitare lo scivolamento del quartiere Croce. Il decreto firmato dal commissario Maurizio Croce approva il progetto esecutivo e certifica l’opera come di pubblica utilità, urgente e indifferibile. Un anno fa il Comune ha inviato l’elaborato esecutivo redatto dall’ingegnere Antonio Chillemi, professionista esterno incaricato dal Comune, che prevede una spesa di 913mila 721 euro per lavori e 586mila 278 euro per somme a disposizione: adesso sarà la Struttura commissariale ad avviare le procedure di gara per appaltare i lavori. “Con questo finanziamento saranno consolidati il quartiere Croce e la zona sottostante fino al torrente Paolazzo, che comprende tre strade comunali e la Strada provinciale 12 Roccafiorita-Mongiuffi Melia - commenta il sindaco Concetto Orlando - e speriamo che finisca presto l’incubo per le famiglie di via Croce”. La progettazione è stata finanziata con un contributo da 116mila 870 euro concesso nel 2020 dai Ministero dell’Interno e dell’Economia e delle Finanze per interventi di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico. Responsabile unico del procedimento è il geometra Luciano Saglimbeni dell’Ufficio tecnico comunale.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.