Domenica 24 Ottobre 2021
La Regione ha rilevato inadempienze nella gestione e dichiarato la sede vacante


Revocata la farmacia di Limina, chiusa anche Roccafiorita. Presto due dispensari

di Andrea Rifatto | 01/10/2019 | ATTUALITÀ

4753 Lettori unici | Commenti 2

La sede dell'ex farmacia di Limina

Da almeno due anni gli utenti lamentavano disservizi nella gestione della farmacia di Limina e del dispensario di Roccafiorita, vedendosi costretti a recarsi a Sant’Alessio o Mongiuffi Melia. Adesso l’Assessorato regionale alla Salute ha decretato la decadenza dell’autorizzazione per la farmacia liminese, sede rurale assegnata alla dottoressa Concetta Santoro nel 2002 e per il dispensario del più piccolo comune siciliano, attivo dal 2014 e gestito dalla stessa farmacista, dichiarando vacante la sede farmaceutica unica rurale di Limina. Il provvedimento è arrivato al culmine di una serie di accertamenti condotti dall’Asp di Messina nell’ambito di un’attività ispettiva straordinaria effettuata su segnalazione del sindaco di Limina. Il 28 giugno, infatti, la Commissione di vigilanza farmaceutica ha verificato che “la farmacia risultava chiusa senza alcuna autorizzazione” e che il dispensario di Roccafiorita “era chiuso e non funzionante, come confermato dal personale del Comune”. Il Dipartimento del Farmaco dell’Asp ha quindi avviato il procedimento di decadenza, “al fine di ripristinare la corretta e indispensabile assistenza farmaceutica alla popolazione residente nei comuni interessati con l’assegnazione del servizio ad altro farmacista” e la Regione il 22 agosto lo ha comunicato alla dottoressa Santoro, “stante la protratta ed illegittima chiusura della farmacia e la conseguente interruzione del servizio”, senza però ricevere alcuna risposta entro il termine assegnato di cinque giorni. Il Dipartimento Pianificazione strategica della Regione ha quindi dichiarato la decadenza con decorrenza immediata delle autorizzazioni del 2002 per la farmacia di Limina e del 2014 per il dispensario di Roccafiorita.

Presto però il servizio verrà ripristinato nei due comuni. Nelle more dell’assegnazione definitiva delle sedi farmaceutiche vacanti, la Regione ha deciso di istituire un dispensario a Limina e riaprire quello di Roccafiorita e ha chiesto ai titolari di farmacie situate dei comuni limitrofi di voler esprimere l’eventuale disponibilità a gestirli. A rispondere sono stati solo i dottori Rosa e Giovanni Scarfone, titolari della Farmacia Scarfone di Sant’Alessio, che hanno avuto così affidata la gestione dei dispensario farmaceutico di Limina e Roccafiorita (quest’ultimo rimarrà aperto e funzionante fino alla definitiva assegnazione della sede farmaceutica). L’apertura dei dispensari è subordinata al sopralluogo igienico-sanitario dei locali che effettuerà l’Asp e i giorni e gli orari di apertura saranno concordati con i sindaci.


COMMENTI

andrea | il 01/10/2019 alle 10:30:46

realtà destinate a sparire nei prossimi 10-20 anni. Dispiace per le tradizioni, per i valori della civiltà contadina e le nostre radici.

fahrenheit | il 01/10/2019 alle 22:26:34

Andrea 10 o 20 anni ?.....sei un super ottimista!

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.