Domenica 31 Maggio 2020
Il sindaco di S. Teresa contesta il limite fissato per il conferimento in discarica


Raccolta differenziata, De Luca polemico con la Regione: “Virtuosi ma umiliati”

di Andrea Rifatto | 18/10/2016 | ATTUALITÀ

1848 Lettori unici

Il sindaco di S. Teresa, Cateno De Luca

 “Un comune virtuoso come il nostro viene umiliato dalla Regione”. È quanto ha scritto il sindaco di S. Teresa di Riva, Cateno De Luca, nell’istanza inviata al governatore Rosario Crocetta e al Dipartimento regionale Rifiuti, con la quale chiede l’annullamento della disposizione n. 69 del 24 settembre che ha stabilito dei limiti quantitativi al conferimento in discarica dei rifiuti indifferenziati. Provvedimento che ha concesso al comune di S. Teresa di depositare 2,2 tonnellate al giorno, in base ad un calcolo effettuato detraendo il 12% dalla quantità conferita ad agosto, ma che l’Amministrazione ha contestato chiedendo di poter smaltire tutti i propri rifiuti indifferenziati o almeno 20 tonnellate la settimana. Secondo De Luca, i calcoli effettuati dalla Regione sono illogici, discriminanti e illegittimi nei confronti di un comune che, stando ai dati forniti dal primo cittadino, ha conseguito ad agosto una percentuale di differenziata dell’82% e che è stato autorizzato a portare in discarica solo il 15% dei propri rifiuti per aver rispettato la soglia minima di legge (65%), mentre gli altri centri siciliani hanno smaltito oltre il 90% dei rifiuti prodotti. “Se non avessimo costituito l’Aro continuando a gestire i servizi con l’Ato, avremmo avuto una raccolta differenziata inferiore al 10%, portando così in discarica, ad agosto, il 90% dei rifiuti (390 tonnellate) – sostiene De Luca – e in base al metodo di conteggio saremmo stati autorizzati a scaricare 11 t/g anziché 2,2: è evidente la disparità di trattamento che consente ai comuni inadempienti di scaricare in discarica la quasi totalità dei loro rifiuti, mentre umilia un comune virtuoso obbligandolo a portare in discarica solo ridottissime percentuali”. Secondo il primo cittadino la disposizione n. 69 obbliga S. Teresa ad effettuare una raccolta differenziata dell’85%: “Su 430 tonnellate di rifiuti prodotti nel mese di agosto, solo il 15% pari a 68 tonnellate (2,2 tonnellate al giorno per 31 giorni), sono stati autorizzati ad essere smaltiti in discarica – ha evidenziato nell’istanza – e ne discende che la restante quantità di rifiuti, (360 tonnellate, pari all’85%) deve essere raccolta in modo differenziato, per poter essere conferita in impianti di recupero. Tale obbligo contrasta con la vigente normativa di settore che obbligando i Comuni ad effettuare il 65 % della raccolta dei propri rifiuti urbani in modo differenziato implicitamente consente di portare in discarica, senza limitazioni, fino al 35% dei propri rifiuti indifferenziati. Pertanto – ha concluso – va rilevato che ogni altra disposizione contraria alla predetta normativa deve ritenersi illegittima”

Quella sollevata dal sindaco di S. Teresa, però, è una problematica che non ha ragione di esistere, dettata esclusivamente da motivi di principio, come confermato nei giorni scorsi dall’esperto esterno per l’Aro comunale, Santi Briguglio Polò. Stando sempre ai dati resi noti da De Luca, infatti, nel mese di settembre sono state raccolte 58,1 tonnellate di rifiuti indifferenziati (sul totale di 341 tonnellate) e dunque 1,94 t/g, quantità che rientra perfettamente nel limite delle 2,2 t/g autorizzate dalla Regione, che tra l’altro ha dato la possibilità di conteggiare mensilmente le quantità conferite in discarica ai comuni che superano il 40% di differenziata, e dunque anche a S. Teresa. Non si corre nessun rischio, quindi, di non poter raccogliere i rifiuti dalle utenze e conferirli in discarica. Non si comprende, pertanto, perché da un lato il sindaco vanti i risultati raggiunti dal suo comune in quattro mesi (83% di differenziata a settembre) e dall’altro lamenti come la Regione, che nei suoi calcoli riconosce di fatto l'alta percentuale di differenziata effettuata a S. Teresa, lo obblighi a raggiungere l’85%: soglia che di questo passo dovrebbe essere "conquistata" molto presto senza problemi. 

Più informazioni: aro santa teresa  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.