Giovedì 25 Luglio 2024
Chiesti interventi all'Amministrazione per venire incontro alle esigenze degli utenti


Raccolta dell'umido sospesa, la minoranza di Roccalumera: "Non è dignitoso e salutare"

di Andrea Rifatto | 11/01/2022 | ATTUALITÀ

723 Lettori unici

Il Centro di raccolta di Roccalumera

Disagi e lamentele a Roccalumera e Furci per la mancata raccolta del rifiuto organico, non prelevato dalla ditta a causa della chiusura fino a venerdì prossimo della piattaforma “Sicula Compost” di Catania. In questi giorni i cittadini e le attività economiche, soprattutto bar, esercizi di somministrazione alimenti, negozi di ortofrutta e supermercati, stanno riscontrando difficoltà nell’accumulare l’umido senza poterlo smaltire, perchè non sempre vi sono spazi adeguati a disposizione e con il passare del tempo gli scarti emettono odori nauseabondi. La ditta non può neanche effettuare il passaggio porta a porta e poi lasciare il rifiuto stoccato nei cassoni, in quanto l’organico deve essere condotto negli impianti entro 72 ore dalla raccolta. “Un’Amministrazione può accettare tutto questo senza battere ciglio e senza prendere provvedimenti alternativi? - commenta in merito la minoranza consiliare di Roccalumera - non è assolutamente dignitoso e salutare che i cittadini e soprattutto le attività commerciali siano costretti a tenere l’umido per un lungo periodo che comprende anche le festività”. L’opposizione ha inviato una nota al sindaco Gaetano Argiroffi e all’assessore all’Ambiente Biagio Gugliotta chiedendo “di attrezzarsi, momentaneamente, con il posizionamento di un cassone aperto, magari ubicato presso il Ccr o nella zona industriale, per permettere alle attività commerciali e a chi ne ha urgente necessità di scaricare la frazione umida. Questo servizio sarebbe a costo zero per l’Ente in attesa che la raccolta possa essere conferita correttamente alla riapertura della piattaforma - viene evidenziato - in alternativa si raccomanda di trovare qualsiasi soluzione valida per superare la criticità”. “Accoglierà l’Amministrazione la nostra nota adoperandosi in tal senso - concludono i consiglieri - o preferirà lasciare l’intera comunità a convivere con questo disagio ancora per chissà quanti giorni?”.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.