Martedì 11 Agosto 2020
Messa a S. Alessio e Premio a lui intitolato a S. Teresa con ospiti in collegamento


Quarant’anni dalla strage di Bologna: oggi e domani il ricordo di Onofrio Zappalà

di Andrea Rifatto | 02/08/2020 | ATTUALITÀ

664 Lettori unici

La strage di Bologna e Onofrio Zappalà

Erano le 10.25 del 2 agosto 1980 e l’Italia veniva ferita dal più sanguinario attentato del Dopoguerra. Un potentissimo ordigno a tempo, nascosto in una valigia lasciata nella sala d’aspetto della stazione ferroviaria di Bologna, esplode in coincidenza con la sosta del treno Ancona-Basilea e uccide 85 persone, ferendone 200. Sono passati 40 anni e il ricordo delle vittime è sempre vivo per ricordare l’importanza della democrazia e dello Stato di diritto in ci viviamo. E vivo è il ricordo di Onofrio Zappalà, il giovane di Sant’Alessio Siculo rimasto vittima dell’attentato in quel terribile 2 agosto. Quel giorno Onofrio, 27 anni, avrebbe dovuto incontrare a Bologna la fidanzata Ingeborg, una maestra danese di 22 anni che viveva a Copenaghen: i due giovani si sarebbero poi recati per qualche giorno a casa dei genitori di Onofrio, a San’Alessio. Ma le cose andarono come sappiamo. Come di consueto l’associazione “Amici di Onofrio Zappalà” fondata dai compagni di classe e dagli amici di Onofrio, lo ricorda con la quindicesima edizione del “Premio Zappalà”, manifestazione che quest’anno è stata condizionata dall’emergenza pandemia. Oggi, nel 40esimo della morte del giovane, alle 18.30 sarà reso omaggio alla salma di Onofrio Zappalà nel cimitero di Sant’Alessio e verrà deposto un pensiero floreale; poi, alle 19, sarà celebrata la messa nella chiesa madre alessese. Domani, lunedì 3 agosto, alle ore 20.30 nel parco Unità d’Italia di Villa Crisafulli-Ragno a S. Teresa si terrà la XV edizione del Premio, insignito per il dodicesimo anno della medaglia di rappresentanza della Presidenza della Repubblica: nel corso della serata, oltre alla commemorazione ed a nuovi ed inediti aggiornamenti sulla strage del 1980, saranno consegnati i Premi Zappalà 2020. Nei prossimi mesi sarà invece pubblicato un francobollo dedicato ad Onofrio Zappalà per il 40°  della strage, la cui produzione è stata autorizzata all’Associazione da parte del Governo.

 

“Viviamo questo 40° anniversario certamente non come volevamo ma ‘vittime’ anche noi di un anno assai particolare, anch’esso destinato a fare storia rimanendo, per varie vicissitudini, parte della nostra memoria - spiegano Antonello D’Arrigo e Natale Caminiti, presidente e vicepresidente dell’associazione - racconteremo anche di questo e anti-siamo pronti a dire la nostra nel semplice ricordo di Onofrio. Niente di particolare, niente di eclatante. L’importante è esserci e noi ci saremo”. Durante la serata interverranno in collegamento video da Bologna con Paolo Bolognesi, presidente dell'associazione familiari delle vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980 e Cinzia Venturoli, storica e docente dell’Università di Bologna. Per partecipare alla manifestazione di S. Teresa è necessario prenotarsi entro oggi contattando i numeri 339-2948737 (anche con messaggio WhatsApp) oppure 351-8625892 (dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 18). L’accesso al Palazzo della Cultura sarà consentito fino ad un massimo di 130 spettatori ed è obbligatorio presentarsi 15 minuti prima dell’orario di inizio della manifestazione; in caso contrario il posto sarà riassegnato ad eventuali richiedenti che si trovano presenti all’esterno. Per seguire l’evento è obbligatorio l’uso della mascherina. La XV edizione del Premio Zappalà potrà essere seguita anche in diretta streaming sul sito internet www.onofriozappala.it, sul gruppo Facebook “Associazione Amici di Onofrio Zappalà” o sulla pagina Fb Zerounotv.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.