Domenica 31 Maggio 2020
Il 2 agosto eventi tra S. Teresa e S. Alessio nel 36° anniversario della strage di Bologna


"Premio Zappalà", il ricordo di Onofrio a sostegno della memoria e della legalità

di Andrea Rifatto | 30/07/2016 | ATTUALITÀ

1720 Lettori unici

Alcune esponenti delle Agende Rosse, Caminiti, Lipari e Lo Giudice

Il ricordo di Onofrio Zappalà continua a rimanere vivo a decenni di distanza dalla sua morte, avvenuta nella strage di Bologna del 1980. Il prossimo 2 agosto, nel 36. anniversario, l’associazione “Amici di Onofrio Zappalà” commemorerà la scomparsa del giovane di S. Alessio con l’11. edizione del “Premio Zappalà-Incontro alla Vita”, con la consegna di tre borse di studio agli studenti dell’Istituto superiore “Caminiti-Trimarchi” e di tre premi alla persona a figure che con la loro attività e impegno sociale percorrono la cultura della legalità. L’edizione 2016 è stata presentata nel corso di una conferenza stampa da Natale Caminiti, segretario dell’Associazione, dalla dirigente dell’Istituto “Caminiti-Trimarchi”, Carmela Maria Lipari, dal vicesindaco Danilo Lo Giudice e da alcuni componenti del Movimento Agende Rosse-Gruppo Graziella Campagna di Messina. “La manifestazione è un punto di riferimento consolidato a sostegno del ricordo e della memoria e nella difesa della legalità, presupposto essenziale per un vivere civile e democratico” – ha evidenziato Caminiti –: ogni anno incontriamo magistrati, avvocati e parenti di vittime di terrorismo e mafia che hanno portato sulle loro spalle il gravoso peso di eventi tragici e che molto spesso hanno visto poca attenzione nella ricerca e nella raggiungimento della verità. Un momento per meglio condividere una attività associativa che ormai da anni è orientata al sociale per una maggiore conoscenza ed attenzione sui fatti che furono e che soprattutto, per la loro attualità, determinano, condizionano e scandiscono il nostro futuro”. Il segretario dell’Associazione ha poi ringraziato la dirigente Lipari per la collaborazione e per la sensibilità mostrata dal “Caminiti-Trimarchi” nel partecipare alle attività degli “Amici di Onofrio Zappalà”. “Il 2 agosto è ormai per noi un appuntamento fisso, un momento per ricordare un nostro ex alunno – ha evidenziato Carmela Maria Lipari – e proseguire nel percorso alla legalità che vede impegnati i nostri studenti”. “Per noi è un onore collaborare a questa iniziativa – ha aggiunto il vicesindaco Lo Giudice – ed è bello vedere che tanti giovani si impegnano in questo progetto, segno che negli anni è stato costruito qualcosa di importante”.

Gli ospiti della serata, in programma alle 20.30 nel giardino del Palazzo della Cultura di S. Teresa, saranno Nino Di Matteo, sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Palermo e pm al processo sulla trattativa Stato-mafia; Angela Manca, madre di Attilio Manca, medico oncologo “suicidato” dalla mafia; Fabio Repici, avvocato di vittime di mafia e Salvatore Borsellino, fratello dal magistrato Paolo. La manifestazione prenderà il via alle 17 nella piazza della chiesa di S. Alessio, con l’emissione di un annullo filatelico postale su tre cartoline create per l’occasione dai maestri Nino Ucchino e Licinio Fazio e dall’Associazione. Alle 18.30 la visita al cimitero di S. Alessio per un saluto sulla tomba di Onofrio e alle 19, sempre nella cittadina del Capo, la celebrazione della messa presieduta da mons. Giovanni Marra, Arcivescovo emerito di Messina. L’evento è patrocinato dai Comuni di S. Teresa, Savoca e Forza d’Agrò. Collaborano l’Istituto comprensivo di S. Teresa e il presidio "Libera-Nino e Ida Agostino" di Messina.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.