Sabato 22 Giugno 2024
A Santa Teresa la 18esima edizione con l'intervento di ospiti e toccanti testimonianze


Premio Zappalà, fare memoria e smuovere le coscienze: "Rispettare le sentenze su Bologna"

di Andrea Rifatto | 05/08/2023 | ATTUALITÀ

578 Lettori unici

Caminiti, Fazio, Guido, Paparcuri e D'Arrigo

Fare memoria e smuovere le coscienze, soprattutto dei giovani, per sconfiggere tutte le mafie. Sono stati i temi chiave della 18esima edizione del “Premio Zappalà”, promosso dall’associazione “Amici di Onofrio Zappalà” nel 43esimo anniversario della strage di Bologna del 2 agosto 1980, nella quale perse la vita il 27enne di Sant’Alessio Siculo. Nel giardino Unità d’Italia di Santa Teresa di Riva, dopo i saluti dei sindaci di Santa Teresa di Riva e Sant’Alessio Siculo, Danilo Lo Giudice e Domenico Aliberti e di Pasquale Campagna, fratello di Graziella Campagna, hanno preso la parola Antonello D’Arrigo e Natale Caminiti, presidente e vicepresidente dell’associazione, che hanno rimarcato come su Bologna “le verità giudiziarie restano e non si può essere disposti a revisioni storiche”, chiedendo che “si rispettino le sentenze e non si continui ogni anno a raccontare storie diverse mettendo in discussione i processi sulla strage. La nostra non è una commemorazione - hanno ribadito - ma un percorso per riflettere e impegnarsi nella ricerca di verità e giustizia”.  Tra i presenti i familiari di Zappalà ed esponenti delle istituzioni, tra cui il comandante della Compagnia Carabinieri di Taormina, capitano Giovanni Riacà, il commissario capo Gaetano Mira della Polizia di Stato, l’Anpi e le Agende Rosse di Messina. Poi la parola agli ospiti: Giuseppe Verzera, procuratore capo di Barcellona, ha invitato a “riflettere affinché le coscienze si formino sin nelle scuole e i giovani siano educati ai dettami della legalità”; Nando Dalla Chiesa, intervenuto in video, ha sottolineato come “la memoria sia una risorsa da valorizzare e coltivare per scolpire la storia”; Paolo Guido, procuratore aggiunto di Palermo e coordinatore delle indagini che hanno portato all’arresto di Matteo Messina Denaro, ha evidenziato che “la cattura dell’ultimo stragista ha chiuso una pagina giudiziaria e la partita con quell’epoca, oltre che fermato il pericoloso effetto emulazione e la leggenda del latitante imprendibile. Un mito ormai dissacrato, segno che lo Stato quando vuole e si impegna al massimo riesce a raggiungere risultati in questa guerra infinita. Poi ci saranno altre responsabilità sulle quali non ci si fermerà di indagare - ha aggiunto - per capire meglio cosa è girato intorno a certi eventi”.

Commovente il racconto di Pino Fazio, padre di Michele, 15enne assassinato nel 2001 a Bari per errore: “Noi familiari delle vittime innocenti delle mafie siamo così tanti che non riusciamo mai ad incontrarci tutti e vogliamo che non si aggiungano altre famiglie. Riprendetevi le vostre città e le vostra Sicilia, non lasciatele nelle mani della mafia”. Giovanni Paparcuri, autista di Rocco Chinnici e collaboratore di Giovanni Falcone, ha rimarcato come “Falcone è stato ucciso all’interno di quel palazzo di giustizia da alcuni suoi colleghi”, ribadendo che “per sconfiggere la mafia bisogna lottare di più contro i colletti bianchi e la borghesia mafiosa e a farlo devono essere soprattutto i giovani”. A Paolo Guido e Pino Fazio sono stati consegnati i Premi Zappalà 2023, mentre le borse di studio sono andate a due studentesse dell’Istituto superiore “Caminiti-Trimarchi”, Laura Briguglio (Liceo Classico) e Nancy Pino (Scientifico). Riconoscimento speciale a Mariapia Crisafulli, neolaureata autrice di una tesi sulla strage di Bologna in cui cita anche anche Onofrio Zappalà.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.