Sabato 24 Febbraio 2024
Subentra al sostituto commissario Giuseppe Taibi, in pensione dopo 40 anni di servizio


Polizia ferroviaria, l'ispettore Santino Saglimbene nuovo responsabile a Taormina

di Andrea Rifatto | 02/12/2023 | ATTUALITÀ

2176 Lettori unici

L'ispettore Santino Saglimbene

Nuovo responsabile del Posto di Polizia ferroviaria di Taormina, che ha sede nella stazione di Villagonia. L’incarico è stato affidato all’ispettore Santino Saglimbene, 51 anni, in servizio nel presidio dal 2017 dopo una precedente esperienza al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Taormina, che adesso ha il compito di coordinare sotto l’aspetto organizzativo, gestionale ed operativo le donne e gli uomini che fanno parte della Polfer taorminese, la cui competenza si estende su un vasto territorio da Messina ad Acireale, a cavallo di due province. Saglimbene, originario di Casalvecchio Siculo e residente a Santa Teresa di Riva, ha preso il posto del sostituto commissario Giuseppe Taibi, collocato in quiescenza per raggiunti limiti di età dopo 40 anni di servizio nella famiglia della Polizia di Stato, in cui ha ricoperto diversi incarichi passando dalle Questure di Reggio Emilia, Roma e Messina, fino al Posto Polfer di Taormina.

Il nuovo responsabile, oltre al servizio tradizionale dove potrà avvalersi della sua esperienza e della sua conoscenza del territorio, ha già partecipato negli anni scorsi ad un’intensa attività di educazione alla legalità e alla sicurezza ferroviaria condotta nelle scuole del comprensorio jonico nell’ambito del Progetto “Train… to be cool”, ideato dalla Polizia ferroviaria in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e rivolto a studenti delle scuole medie e superiori con lo scopo di diffondere la cultura della sicurezza ferroviaria. Momenti di incontro tra studenti e operatori specializzati della Polfer, in quanto i giovani non solo sono utenti del mezzo ferroviario utilizzato per raggiungere la scuola ma anche fruitori delle stazioni ferroviarie come luoghi di incontro e di ritrovo nel loro tempo libero: talvolta sono proprio loro a rimanere vittime di incidenti, in quanto spesso inconsapevoli dei pericoli presenti sullo scenario ferroviario.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.