Mercoledì 27 Maggio 2020
Nel 2017 prevista l'apertura di 12 cantieri per 10 milioni. Soddisfatti i sindaci


Patto per Messina, alla zona jonica 72 milioni per infrastrutture viarie - LE OPERE

di Andrea Rifatto | 23/10/2016 | ATTUALITÀ

4938 Lettori unici

Dei 332 milioni di euro del Fondo Sviluppo e Coesione 2014/2020 assegnati alla Città metropolitana di Messina con il Patto per lo sviluppo firmato ieri pomeriggio nella città dello Stretto dal premier Matteo Renzi e dal sindaco Renato Accorinti, ben 72 milioni, di cui 10 spendibili nel 2017, andranno a finanziare 12 opere infrastrutturali nell’area jonica. Per 12 interventi è prevista l’apertura dei cantieri nel 2017, mentre per altri sei progetti (quattro presentatati dalla Città metropolitana, uno dal Consorzio autostrade siciliane e uno dal Comune di S. Teresa di Riva) è stata fissata la verifica di congruità e dello stato di programmazione come obiettivo del Patto per il 2017. Tutte le opere riguardano la viabilità e sono state segnalate dai sindaci, soddisfatti per la firma del Patto, come prioritarie per la messa in sicurezza del territorio dopo gli incontri tenuti nei mesi scorsi. Interventi chiesti da tempo con l’obiettivo di migliorare la mobilità urbana ed i collegamenti con le aree interne, assicurando accessibilità in sicurezza alle diverse aree e soprattutto ai centri collinari, con lo scopo di promuovere anche lo sviluppo economico dei comuni. In considerazione della strategicità e complessità degli interventi, ma anche per accelerarne la realizzazione, Invitalia è stato individuato quale soggetto responsabile per l’attuazione delle opere. L’Autorità politica per la Coesione e il sindaco della Città metropolitana di Messina si avvarranno di un Comitato di indirizzo e controllo per la gestione del Patto. L’Agenzia per la Coesione territoriale è responsabile del coordinamento e della vigilanza sull’attuazione del Patto e svolgerà l’azione di monitoraggio e valutazione degli obiettivi raggiunti. Il trasferimento delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione è vincolato al rispetto del completo inserimento dei dati dei singoli interventi nel sistema di monitoraggio unitario, incluso il cronoprogramma di ogni intervento. Il mancato inserimento e/o aggiornamento dei dati di monitoraggio comporta la sospensione del trasferimento delle relative risorse.


GLI INTERVENTI PREVISTI NELL'AREA JONICA

Apertura cantieri nel 2017

- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e sistemazione del piano viabile della Strade provinciale 11 di Mongiuffi Melia e della Sp 13 di Gallodoro – 1,3 milioni di euro

- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e sistemazione del piano viabile della Sp 15 di Passo Aranciara (Antillo) e del tratto della Sp 19 Antillo-bivio Sp 15 – 1,2 milioni di euro

- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e sistemazione del piano viabile della Sp 12 di Roccafiorita (dal km. 0 al km. 15,650) – 1,2 milioni di euro

- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e sistemazione del piano viabile della Sp 23 di Misserio (S. Teresa di Riva) ed Sp 19/a e 19/b Misserio-Mondello-Misitano-Rimiti-Due Fiumare (Casalvecchio Siculo) – 1,3 milioni di euro

- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e sistemazione del piano viabile della Sp 17 di S. Francesco di Paola, Sp 18 di Scorsonello e Sp 18/b di Botte (Savoca), 800mila euro

- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e sistemazione del piano viabile della Sp 21 di Romissa, Sp 22 di Mancusa e di tratti vari della Sp 19 Savochese (Savoca), 1,2 milioni di euro

- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e sistemazione del piano viabile delle Sp 28-29-31-32 di Alì, Itala, Guidomandri e Scaletta Zanclea, 800mila euro

- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e sistemazione del piano viabile della Sp 25 di Mandanici e Sp 26 di Locadi (Pagliara), 500mila euro

- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e sistemazione del piano viabile della Sp 27 di Fiumedinisi, 400mila euro

- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e sistemazione del piano viabile della Sp agricola n. 42 nel tratto compreso dal Km. 0 alla contrada Mastrissa (Castelmola), 500mila euro

- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e sistemazione del piano viabile della Sp 1 di Mojo Alcantara, Sp 2 di Roccella Valdemone e Sp 6 di Motta Camastra, 700mila euro

- Lavori di manutenzione straordinaria, messa in sicurezza e sistemazione del piano viabile della Sp 4 di Santa Caterina (Francavilla di Sicilia), 300mila euro


Verifica di congruità e dello stato di programmazione nel 2017

Città metropolitana di Messina

- Collegamento e messa in sicurezza della Panoramica Castroreale-Monti Peloritani – 10 milioni di euro

- Completamento della strada di collegamento Gallodoro-Letojanni – 5 milioni di euro

- Strada di collegamento Valle Alcantara-Taormina – 4 milioni di euro

- Riqualificazione ambientale e realizzazione dell’asse viario di collegamento tra Terme Vigliatore-Fondachelli Fantina-Francavilla di Sicilia-Taormina-Giardini Naxos – 13 milioni di euro

Consorzio autostrade siciliane

- Svincolo autostradale A18 Alì Terme – 18 milioni di euro

Comune di S. Teresa di Riva

- Svincolo autostradale A18 S. Teresa di Riva-Val d’Agrò – 12 milioni di euro

Più informazioni: patto città metropolitana messina  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.