Martedì 26 Maggio 2020
Avviati gli interventi per rendere fruibile la spiaggia. Ancora fermi i lidi privati


Passerelle e bagnini, S. Teresa si prepara per la stagione balneare Bandiera blu

di Andrea Rifatto | 23/05/2020 | ATTUALITÀ

569 Lettori unici

I lavori di realizzazione delle rampe

Santa Teresa si prepara alla stagione balneare, che si aprirà ufficialmente il 6 giugno così come stabilito dalla Regione, e il Comune ha avviato le operazioni per rendere fruibile la spiaggia, fresca di Bandiera blu. Sono infatti iniziati i lavori di realizzazione delle rampe e delle passerelle per l'accesso all’arenile, affidati alla ditta Finocchio Santi di Santa Teresa che è entrata in azione con un escavatore a partire dall’estremità sud, nel quartiere Barracca, provvedendo a dare forma alle rampe un sabbia sulle quali verranno posizionate le mattonelle in cemento per consentire ai bagnanti di raggiungere agevolmente il mare. La ditta proseguirà in direzione nord fino a realizzare circa 50 rampe e quest’anno potrebbero essere posizionate anche delle passerelle di tipo avvolgibile per ottenere dei camminamenti percorribili più facilmente anche dai disabili. Il Comune procederà poi ad installare le docce, le isole ecologiche per la raccolta differenziata e i bagni chimici e quest'anno saranno presenti in corrispondenza degli accessi al mare anche dei dispenser con liquido igienizzante. La Giunta comunale guidata dal sindaco Danilo Lo Giudice ha inoltre stanziato 35mila euro per affidare il servizio di vigilanza e salvataggio sulla spiaggia libera, confermato anche quest’anno per rendere sicura la balneazione e offrire un importante servizio a residenti e vacanzieri. Sull’arenile santateresino verranno posizionate quattro postazioni di salvataggio, attive nei mesi di luglio e agosto con due bagnini per ogni turno su due turni di cinque ore ciascuno nelle fasce orarie 9-14 e 14-19. Le torrette verranno installate nei quartieri Portosalvo, Centro, Sacra Famiglia e Bucalo e in due di queste (Portosalvo e Sacra Famiglia) sarà presente la sedia job per disabili che darà la possibilità di entrare in acqua, con l’assistenza di un bagnino formato a tale scopo, ai soggetti diversamente abili e con difficoltà motorie. A svolgere le attività sarà una ditta esterna che verrà individuata dal Comune. Resta ancora un’incognita il numero degli stabilimenti balneari privati che sorgeranno quest’anno: di certo ve ne è al momento uno, gli altri stanno valutando costi e benefici che comporterà un’estate in tono decisamente minore.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.