Sabato 30 Maggio 2020
Martedì 25 incontro per spiegare i vantaggi economici e ambientali derivanti dall'uso


Pannolini lavabili, S. Teresa primo comune siciliano a concedere un bonus

22/10/2016 | ATTUALITÀ

5184 Lettori unici | Commenti 1

Dare una mano all’ambiente non significa solo fare la raccolta differenziata e sostenere il corretto riciclo dei rifiuti, ma anche evitare di produrne molti altri. Proprio per capire come consumare meno, a partire dall’infanzia, il Comitato Jonico Beni Comuni e il Comune di Santa Teresa di Riva con il supporto dell’associazione nazionale Non Solo Ciripà di Bologna, organizzano l’incontro sul tema “Come ottenere un bonus per l’utilizzo dei panni lavabili”, in programma martedì 25 ottobre dalle ore 19 alle 20 nell’aula adiacente la sala consiliare nell’ex municipio. L’incontro sarà aperto a tutti, a partecipazione libera, e si inserisce all’interno del calendario di appuntamenti promossi dall’Amministrazione per coinvolgere cittadini, scuole e proprietari di locali e sensibilizzarli sulla raccolta differenziata e sul delicato tema della riduzione dei rifiuti. Nello specifico, l’appuntamento dedicato ai pannolini lavabili servirà non solo a illustrare quali sono i vantaggi economici e ambientali nel preferirli a quelli usa e getta, ma anche per fornire tutte le informazioni necessarie a quanti vorrebbero utilizzarli e non sanno come fare.

“L’Amministrazione, per supportare questa scelta di consumo critico e consapevole, concederà darà a tutti coloro che avranno acquistato i pannolini lavabili un rimborso parziale della spesa – spiega l’assessore  ai Servizi sociali Annalisa Miano – a patto che possano comprovarne l’acquisto con scontrino o fattura. Un’iniziativa che inserisce S. Teresa tra i 130 comuni in tutta Italia (ancora pochi) che hanno attuato politiche simili e il primo comune siciliano a supportare le famiglie in questa direzione. L’incontro – ha aggiunto l’assessore – vuole essere un modo per far conoscere i pannolini lavabili, illustrandone i vantaggi non solo ambientali ed economici ma anche volti a tutelare la salute dei piccoli utenti. Tutto ciò per migliorare il benessere e la crescita della nostra comunità”.

“Questo incontro è nato durante un momento di confronto con l’Amministrazione sulle tematiche ambientali – spiega Salvuccio Irrera, presidente del Comitato Jonico Beni Comuni – e riteniamo che per sensibilizzare la cittadinanza sulle pratiche di riduzione dei rifiuti è fondamentale utilizzare tutti i canali possibili. Un incontro aperto infatti è il modo migliore per tutti di fare domande, esporre dubbi e avere tutte le risposte in merito. È per questo che il Comune coinvolgerà anche i pediatri della zona e che noi del Comitato lo stiamo diffondendo più possibile”.

Per smaltire un pannolini servono 500 anni e non è completamente biodegradabile. I pannolini lavabili aiutano invece a inquinare meno: un bambino nei primi tre anni di vita arriva a consumare fino a 6750 pannolini con un grande spreco di cellulosa, acqua ed energia. Considerando che ogni pannolino usato giornaliero pesa 150 grammi e uno notturno ne pesa 250, ogni bambino produce nei suoi primi anni di vita una tonnellata di pannolini difficilmente smaltibili. Di contro, il pannolino lavabile rispetta l’ambiente, a partire dal lavaggio: l’acqua utilizzata per lavarlo non supera, infatti e in nessun caso, quella necessaria per produrre 6mila pannolini usa e getta. È economico perché se nei primi di anni di vita si arriva a spendere per i pannolini usa e getta dai 1500 ai 2000, con quelli lavabili – che per forza di cose sono molto meno – si spende dai 200 agli 800 euro. Ma non solo vantaggi economici: i bambini hanno meno eritemi, è garantita una maggiore traspirazione ed è più facile lo spannolinamento ossia il passaggio al vasino. I tessuti dei pannolini possono variare dai micropile alle fibre naturali.


COMMENTI

ML | il 25/10/2016 alle 16:40:53

Finalmente un segno di civiltá e progresso anche nella nostra riviera. Complimenti al comitato jonico beni comuni che ancora dopo tanti anni crede che il cambiamento sia possibile... E si mobilita e addirittura riesce! Bravi!

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.