Mercoledì 08 Luglio 2020
Si occuperà delle parrocchie S. Maria Assunta e S. Giuseppe


Padre Angelo Isaja nuovo parroco di Nizza

di Carmelo Tringali | 11/10/2013 | ATTUALITÀ

3559 Lettori unici

Padre Angelo Isaja

Dopo nove anni di intensa attività pastorale, padre Angelo Isaja, 41 anni, finora parroco di Santa Maria delle Grazie in Sant’Alessio Siculo, dovrà lasciare la parrocchia alessese per trasferirsi a Nizza di Sicilia dove si occuperà della parrocchia Santa Maria Assunta e San Giuseppe. A dare la notizia è stato lo stesso sacerdote anche se ha dichiarato di non sapere ancora la data di insediamento. “L'arcivescovo – ha detto padre Isaja - mi ha chiesto la disponibilità ad assumere un nuovo incarico. Pertanto tra breve assumerò la guida spirituale della parrocchia di Nizza di Sicilia. Accompagnatemi con la preghiera per questa nuova avventura che vado a cominciare”. Don Isaja succede a padre Salvatore Orlando che per il momento rimarrà parroco di Allume, frazione di Roccalumera. Padre Angelo Isaja, 41 anni, è nato a Messina ed è stato ordinato sacerdote sempre nella città dello Stretto il 25 ottobre del 1997 da S. E. mons. Giovanni Marra. Nel corso di questi anni, al religioso è stato affidato anche l’incarico di cappellano presso l’Ospedale “San Vincenzo” di Taormina dove ha avuto modo di farsi apprezzare per le sue doti di profonda umanità e generosità. Questo trasferimento rientra nel quadro della riorganizzazione della vita delle parrocchie decisa dall’arcivescovo mons. Calogero La Piana che qualche mese addietro aveva spostato anche padre Giuseppe La Speme da Fiumedinisi a delegato arcivescovile per la Basilica Cattedrale S. Maria Assunta di Messina. A prendere il suo posto, nel centro collinare, sarà don Daniele Femminò, attuale vice parroco della chiesa Sacra Famiglia di S. Teresa di Riva. 

Più informazioni: diocesi messina  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.