Martedì 28 Maggio 2024
Deserta per la quinta volta la gara per l'affidamento del servizio. Necessaria un'altra proroga


Nizza di Sicilia. Tesoreria comunale, nuova fumata nera

di Gianluca Santisi | 10/06/2015 | ATTUALITÀ

2022 Lettori unici

Per la quinta volta consecutiva è andata deserta la gara per l’affidamento del Servizio di tesoreria comunale a Nizza di Sicilia. Uno stato d’impasse da cui l’Amministrazione non riesce a tirarsi fuori. E per l’ennesima volta, dunque, il Comune sarà costretto a chiedere una proroga al Credito Siciliano, che cura il Servizio in regime provvisorio ormai dal 31 dicembre del 2013, da quando cioè è scaduta la convenzione. L’ultima gara si è svolta nei giorni scorsi e prevedeva “l’affidamento del Servizio di tesoreria comunale, per il periodo 1 luglio 2015-31 dicembre 2017, previo espletamento di gara mediante licitazione privata”. Ma nessun Istituto di credito ha ritenuto di dover presentare la propria offerta, così come accaduto nelle altre quattro occasioni; e il capo dell’Area Economico- finanziaria, Teodoro Santisi, si è visto costretto a dichiarare “deserta” la gara. Per assicurarsi la proroga con il Credito Siciliano, il Comune ha dovuto garantire un piano di rientro per saldare le anticipazioni di cassa concesse in passato. L’appianamento della situazione debitoria ha previsto un accantonamento alla fine di ogni mese di 25mila euro a partire da marzo 2014. Una cifra complessiva non di poco conto, se si considera che già nel novembre del 2013 la Giunta aveva chiesto al proprio tesoriere la concessione di un’anticipazione di un milione 156mila euro.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.