Mercoledì 07 Dicembre 2022
Realizzato dall'associazione "SiciliArte" anche per promuovere il territorio


Nasce il primo museo a S. Teresa: "La Via della Seta" per riscoprire le antiche tradizioni

di Redazione | 03/08/2021 | ATTUALITÀ

1087 Lettori unici

Ariosto con Miccichè, Giacalone e alcune studentesse

È nato il primo museo a Santa Teresa di Riva. A realizzarlo non è stato un ente pubblico ma un privato cittadino, il professor Carmelo Ariosto, che da tempo si spende nel campo delle arti, della cultura e delle tradizioni popolari siciliane con l’associazione “SiciliArte”, di cui è presidente. Il museo, allestito in un’area in via Armando Diaz, nel quartiere Torrevarata, è stato denominato “La Via della Seta” e ha una duplice finalità, ossia far conoscere e tramandare l’antica tradizione della produzione della seta, che nel XIX secolo e agli inizi del XX rappresentava per molti paesi della provincia di Messina (tra cui anche Savoca) una forma di guadagno e di sostentamento per numerose famiglie che allevavano i bachi da seta e producevano i bozzoli che poi venivano venduti, ma anche promuovere il territorio per far conoscere a visitatori e turisti le antiche tradizioni locali. Il nome “La Via della Seta” fa riferimento a quell’insieme di percorsi carovanieri e rotte commerciali che partivano dalla Cina, dove ha avuto origine la seta, lungo i quali il prezioso filato arrivava poi anche in Europa e in Sicilia, dove è iniziata la produzione. Al taglio del nastro inaugurale, effettuato da Rosanna Palella con Rosa e Mariagrazia Ariosto, ha fatto seguito la benedizione delle strutture espositive realizzate in un ambiente naturalistico e che in futuro si punta a chiudere, impartita da monsignor Francesco Miccichè, vescovo emerito di Trapani (in città per i festeggiamenti della Madonna di Portosalvo) e da padre Agostino Giacalone: presenti anche il sindaco Danilo Lo Giudice e il vice Domenico Trimarchi e diversi rappresentanti del mondo scolastico, tra cui la dirigente della Direzione didattica, Maria Grazia D’Amico. Proprio con le scuole sono già i programma progetti mirati a far conoscere l’arte della seta e in occasione dell’inaugurazione del museo è stato creato un laboratorio dimostrativo della produzione del filato, con la partecipazione della signora Elena Puzzolo. La serata, presentata da Paola Parisi, si è conclusa con il taglio della torta ed un brindisi augurale. “Un piccolo sogno del maestro Carmelo Ariosto che ha mosso i primi passi verso quello che sarà un piccolo museo a cielo aperto - ha commentato il sindaco - la sua passione e il grande impegno verso le tradizioni e la nostra storia finalmente gli hanno consentito di iniziare questo percorso. A lui i nostri migliori auguri, certi che saprà portare avanti il suo progetto di crescita della nostra comunità”. 


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.