Martedì 11 Maggio 2021
La minoranza ha inviato una nota al sindaco e al responsabile dell’Ufficio tecnico


Mongiuffi Melia. "Circonvallazione nel degrado, si intervenga"

11/11/2015 | ATTUALITÀ

1685 Lettori unici

La situazione di degrado rilevata dalla minoranza

I consiglieri del gruppo di minoranza “LeAli per Mongiuffi Melia”, Antonella Siligato (capogruppo), Filippo Iemmi, Giuseppe Barca e Tiziana Longo, hanno inviato una nota al sindaco Rosario D’Amore e al responsabile dell’Ufficio tecnico comunale per segnalare lo stato di degrado igienico-sanitario, urbano e di precaria sicurezza in cui versa la circonvallazione nel centro abitato di Melia, caratterizzata da un manto stradale ricoperto di buche, erbacce e rifiuti. “Dobbiamo constatare che nonostante attualmente il transito sia deviato, causa lavori sulla strada principale, su tale arteria stradale di competenza comunale, che viene comunque usata abitualmente come valvola di sfogo per la viabilità locale, in particolare in occasione delle più importanti manifestazioni pubbliche per far defluire il traffico – sottolinea il consigliere Filippo Iemmi – l'Amministrazione comunale non ritenga necessario un intervento per garantire almeno i minimi termini di sicurezza, di decoro urbano e di salvaguardia della pubblica incolumità, visto che a tutt’oggi, nonostante abbiamo sollecitato e messo in evidenza il problema, non abbiamo ricevuto alcuna risposta e agli atti del Comune non esiste ad oggi alcun atto che preveda interventi  in merito di tale situazione”. I consiglieri di opposizione del piccolo centro della Valle del Ghiodaro avevano infatti già segnalato lo stato di degrado in cui si trova la circonvallazione con una lettera inviata il 4 settembre scorso, nella quale sollecitavano interventi di pulizia e messa in sicurezza. I consiglieri hanno constatato personalmente lo stato dei luoghi oltre ad aver ricevuto diverse segnalazioni da parte dei cittadini.

Più informazioni: circonvallazione mongiuffi melia  


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.