Sabato 30 Maggio 2020
Incontro-laboratorio promosso nella Settimana europea per la riduzione rifiuti


Meno spreco e più riuso in casa, ecco come: l'associazione "Rocca" istruisce i cittadini

25/11/2019 | ATTUALITÀ

1061 Lettori unici | Commenti 1

Gregorio, Della Scala e Corrini all'incontro

Anche l’associazione “Rocca” di Roccalumera ha aderito alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, promossa dal Comitato promotore nazionale della Serr che per il 2019 ha lanciato il tema di “Educare alla riduzione dei rifiuti: contro lo spreco”, iniziativa volta a promuovere azioni di sensibilizzazione con una campagna di comunicazione ambientale per una maggiore consapevolezza sulle eccessive quantità di rifiuti prodotti e sulla necessità di ridurli drasticamente. Molti comuni della riviera hanno aderito all’iniziativa con azioni varie: dal riciclo ricreativo alla passeggiata eco ambientale, dalla piantumazione di alberi alla raccolta di giocattoli e libri usati: “Rocca” ha organizzato invece l’incontro–laboratorio “RicreAmoci … il cibo” sia per sensibilizzare la cittadinanza sul tema dello spreco alimentare e della riduzione dei rifiuti sia per veicolare buone pratiche. Il presidente Mario Gregorio, la socia Rita Corrini e il componente del direttivo Danilo Di Paola, con i loro interventi, hanno relazionato circa le problematiche connesse allo spreco quotidiano ed hanno fornito accorgimenti e soluzioni per evitarlo. É stato evidenziato come sia “normale” lo spreco quotidiano in casa e come invece sia “semplice” riciclare gli alimenti che cuciniamo o che acquistiamo in eccesso. Inoltre sono state fornite informazioni sull’uso della compostiera domestica che consentirebbe sia la riduzione dei rifiuti e sia la possibilità di impiego del compost per fertilizzare il terreno e, nel contempo, nel caso si attivasse la tariffa puntuale, anche un risparmio sulla tassa dei rifiuti Tari, come illustrato dal dirigente dell’Ufficio tecnico del Comune, l’architetto Giuseppe della Scala, intervenuto alla serata.

Il laboratorio culinario ha destato notevole curiosità fra i partecipanti, perché diverse sono state le idee per riutilizzare gli avanzi: pane tostato per i crostini utilizzando mousse di verdure o di carne, arancini con riso alla zucca, il tradizionale “pesce d’uovo” con mollica, uova, formaggio e menta, la frittata di pasta, i muffin con ciuffi di finocchi, pollo in salsa rosa, frittata di verdura. Le degustazioni sono avvenute utilizzando piatti biodegradabili, bevendo acqua di sorgente in bottiglie di vetro e vino biologico. “Un ringraziamento particolare va agli chef Francesco Famà, Giuseppe Savoca e Giuseppe Triolo – commenta il presidente Gregorio – che abilmente hanno dimostrato come con la fantasia e qualche piccolo segreto si possa riutilizzare il cibo già cotto, conservandolo in maniera adeguata. Anche l’amico Franco Barletti ha dato un contributo all’associazione Rocca, che ha donato a conclusione della serata un barattolo di dado vegetale. L’iniziativa dell’Associazione si concluderà con la realizzazione di una raccolta di idee e ricette da divulgare per disseminare le buone pratiche in contrasto con l’eccessivo consumo – conclude Gregorio – e favorire un cambiamento del proprio comportamento e delle abitudini quotidiane al fine di ridurre i la produzione di rifiuti”.


COMMENTI

Pippo Sturiale | il 25/11/2019 alle 12:20:16

Bella iniziativa ! Non c'è bisogno della TARIP (tariffa puntuale) per fare lo sconto a chi pratica il compostaggio! Questa premialità prescinde dalla TARIP, riconosce uno sconto a chi privileggia l'ambiente e fa risparmiare il Comune.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.