Sabato 22 Giugno 2024
Nuove opere e interventi di completamento per proteggere i centri abitati


Lotta al dissesto idrogeologico, dalla Regione altri 6,6 milioni per quattro comuni jonici

di Andrea Rifatto | 25/06/2022 | ATTUALITÀ

1283 Lettori unici

La zona di intervento a Limina

Quattro comuni jonici potranno contare su nuovi finanziamenti per proseguire i percorsi già intrapresi nella lotta al dissesto idrogeologico, fenomeno che soprattutto nei centri collinari mette a serio rischio la stabilità degli abitati. La giunta regionale ha infatti approvato una delibera decidendo di finanziare una serie di interventi nell’ambito dell’Azione 5.1.1 del Po Fesr Sicilia 2014-2020, finalizzata a realizzare opere di messa in sicurezza e per l’aumento della resilienza dei territori più esposti a rischio idrogeologico e di erosione costiera. Un programma redatto dall'Ufficio del Commissario di Governo per il contrasto del dissesto idrogeologico per un importo complessivo di 118 milioni 576mila 688 euro, nel quale rientrano anche i comuni di Antillo, Limina, Gallodoro e Mandanici, che riceveranno contributi per un totale di 6 milioni 645mila 389 euro. L’importo più alto arriverà ad Antillo, dove è stato previsto un finanziamento da 2 milioni 500mila euro per attuare un progetto esecutivo per l’intervento di completamento del consolidamento a valle del centro urbano in località Giorgina-Piano Calcare, dove la Regione è intervenuta una prima volta nel 2020 stanziando lo stesso importo per una prima parte dei lavori già realizzati, tramite una serie di opere strutturali in grado di arrestare definitivamente i continui movimenti franosi, innescati da incontrollate infiltrazioni d'acqua che hanno lesionato profondamente fabbricati, strade, infrastrutture secondarie e terreni agricoli. 

Altri 2 milioni di euro euro sono stati stanziati per Mandanici, per i lavori di completamento del consolidamento e della mitigazione del rischio idrogeologico a protezione del centro abitato nel quartiere Spafaro-San Giorgio e a protezione della circonvallazione a valle del Santissimo Salvatore-Pantano-Spafaro, per i quali esiste già un progetto esecutivo. Somme che si aggiungono al primo finanziamento da 1 milione 580mila euro per la messa in sicurezza dell'intero quartiere Rocca-Carasà e del consolidamento del muraglione che sovrasta la circonvallazione a rischio cedimento, appaltate il mese scorso all’impresa “Damar Costruzioni” di Marineo per l’importo di 792mila 864 euro. A Gallodoro giungerà invece un contributo di 1 milione 415mila 028 euro per attuate un intervento di consolidamento e riqualificazione ambientale del costone in contrada Landro, a difesa del centro abitato. Altri 730mila 361 euro, infine, sono stati destinati per la comunità di Limina, dove già dal 2016 sono state progettate opere di consolidamento in contrada Fornace, a monte del paese, in una zona classificata R4 per la sua alta vulnerabilità sotto il profilo geomorfologico e i fenomeni franosi che si sono sviluppati nel corso degli anni, con crepe e avvallamenti lungo la strada comunale che intercetta la Sp 12, un'arteria assai trafficata, che porta a Roccafiorita ma anche al cimitero. Sarà necessario ricostituire il piano stradale ma prima occorrerà disinnescare ulteriori movimenti del terreno con muri di sostegno, palificate e opere di regimentazione che consentano un corretto smaltimento delle acque piovane.


COMMENTI

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo.

Lascia il tuo commento

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003.